Per David Mamet D’Amore si fa regista

  • Milano/Teatro

MILANO Dopo il grande successo della serie tv “Gomorra”, in cui interpreta Ciro Di Marzio, l’attore Marco D’Amore sbarcherà a teatro, da stasera al 10 dicembre, nella Sala Grande del Franco Parenti con “American Buffalo” di David Mamet che lo vedrà, per la prima volta, anche nelle vesti di regista. 

Sul palco con Tonino Taiuti e Vincenzo Nemolato, D’Amore affronterà, nel ruolo che al cinema fu di Dustin Hoffman, la storia di un fallimento umano in cui lo sfondo, rispetto all’originale del drammaturgo Premio Pulitzer, non sarà più americano, ma i bassi di Napoli.

Qui nella bottega di un rigattiere si snoda la storia con il proprietario convinto di essere stato imbrogliato da un cliente che ha comprato un “american buffalo”, una moneta con una testa di bufalo, pagandolo una cifra molto inferiore al suo vero valore. È allora che scatterà l’idea del furto per poter recuperare il piccolo tesoro. 

Intanto sempre al Parenti, ma nella Sala AcomeA, sarà di scena da stasera al 10 dicembre, “L’Annuncio a Maria” di Paul Claudel con la regia di Paolo Bignamini, per raccontare un Medioevo molto simile ai giorni nostri in cui, a regnare, è una totale confusione su tutto e tutti (Info: teatrofrancoparenti.it).

ANTONIO GARBISA

 

Articoli Correlati

Dimitri/Canessa scelgono la poesia di Carver

In anteprima nazionale da stasera a domenica al della Contraddizione “Ad esempio questo cielo”

Due debutti all'Elfoper Paravidino e Castellucci

Doppio debutto per “Il senso della vita di Emma” e “Il regno profondo della Socìetas

Con Fukuyama Martinellicerca in scena la felicità

In prima nazionale al Filodrammatici arriva “Beyond Fukuyama felici-bum-tà!” di Köck