Andrea De Rosa rilegge le Baccanti di Euripide

  • Torino/Teatro

TORINO Una potente versione rock de “Le Baccanti” di Euripide. Tanto promette il regista napoletano Andrea De Rosa per il suo nuovo spettacolo di scena, da stasera al 17 dicembre, al Teatro Carignano con Marco Cavicchioli, Cristina Donadio, Ruggero Dondi, Lino Musella, Matthieu Pastore, Irene Petris, Federica Rosellini, Emilio Vacca, Carlotta Viscovo ed alcune allieve della Scuola del Teatro Stabile di Napoli. 

Perché in questo allestimento il linguaggio antico riesce a parlare alla nostra modernità, alle sue incongruenze e contraddizioni. 

Andrea De Rosa prosegue così, con questo spettacolo la sua lunga indagine sui tragici per mettere in scena il fallimento degli ideali dell’Umanesimo greco, di quello spirito razionalistico su cui fondava la civiltà classica. 

Come in “Fedra”, anche in “Baccanti”, scritta attorno al 406 a.C., torna l’analisi dei moti dell’animo umano nelle sue infinite sfaccettature e nei suoi molteplici turbamenti. 

Euripide sembra profetizzare la necessità di una contaminazione tra Occidente e Oriente, quasi una anticipazione della necessità di rivedere norme di convivenza tra continenti, così attuali e drammaticamente presenti nelle nostre cronache (Info: teatrostabiletorino.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

La mafia va in scena con Eleonora Frida Mino

L'autrice, attrice e avvocato porta in scena “Per Questo” su Falcone e “Le ribelli” sul rapporto mafia/donne.

Barba/Varley senza l’Odin per Samsa-Gleijeses

Prima nazionale all’Astra stasera per “Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa”

I casi umani di Pintus destinati a estinguersi

Angelo Pintus da venerdì al 31 dicembre sarà al Teatro Colosseo con il suo nuovo spettacolo