«Faccio musica perché ho bisogno di comunicare»

  • Roma/Musica

ROMA Fuori dagli schemi e talento da vendere, Serena Brancale sarà stasera alle 21,30 a Le Mura con “Soula”, un progetto che la vede sola sul palco, in una dimensione che esalta le sue doti di interprete.

Come è nato in lei l'impulso di fare canzoni? 
Faccio musica perché ho bisogno di comunicare. In passato ho frequentato masterclass di cinema, corsi di danza e l’Accademia di Belle Arti, ma con la musica sento che riesco ad esprimermi al meglio e grazie a lei posso unire tutte le arti: il ballo, il disegno e la recitazione.

Quali artisti l'hanno ispirata? 
Le persone comuni, principalmente la mia famiglia che mi ha spinto a credere  in me stessa.

Come è arrivata alla pubblicazione del suo primo album, uscito due anni fa dopo la sua partecipazione al Festival di Sanremo? 
È arrivato un pò per caso dopo un lungo periodo di scrittura. Non era stato premeditato: sono brani particolarmente liberi e non seguono le dinamiche musicali del mercato italiano.

Che concerto ha preparato per Roma? 
Ho creato un set di batteria piano e loop dove mi diverto a destrutturare pezzi e a cantare cover a mio modo.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

Patti Smith all’Opera tra musica e poesie

Stasera la poetessa del rock presenterà “Omaggio a Roma - An Evening of Words and Music”

Il Natale in musica è all’Auditorium

Fino al 6 gennaio si susseguono appuntamenti con diversi artisti e i progetti di Nicola Piovani e Silvestri, Gazzè e Consoli

Roger Waters il 4 luglio sarà a Roma

Il fondatore dei Pink Floyd al Circo Massimo per “Rock in Roma”