«Faccio musica perché ho bisogno di comunicare»

  • Roma/Musica

ROMA Fuori dagli schemi e talento da vendere, Serena Brancale sarà stasera alle 21,30 a Le Mura con “Soula”, un progetto che la vede sola sul palco, in una dimensione che esalta le sue doti di interprete.

Come è nato in lei l'impulso di fare canzoni? 
Faccio musica perché ho bisogno di comunicare. In passato ho frequentato masterclass di cinema, corsi di danza e l’Accademia di Belle Arti, ma con la musica sento che riesco ad esprimermi al meglio e grazie a lei posso unire tutte le arti: il ballo, il disegno e la recitazione.

Quali artisti l'hanno ispirata? 
Le persone comuni, principalmente la mia famiglia che mi ha spinto a credere  in me stessa.

Come è arrivata alla pubblicazione del suo primo album, uscito due anni fa dopo la sua partecipazione al Festival di Sanremo? 
È arrivato un pò per caso dopo un lungo periodo di scrittura. Non era stato premeditato: sono brani particolarmente liberi e non seguono le dinamiche musicali del mercato italiano.

Che concerto ha preparato per Roma? 
Ho creato un set di batteria piano e loop dove mi diverto a destrutturare pezzi e a cantare cover a mio modo.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

Ghali in concertotra musica e teatro

Domani sarà sul palco del Palalottomatica

Buongiorno Italia, arriva il trap di Jesto

Stasera salirà sul palco dell’Orion di Ciampino

L'opera di Bernstein apre Nuova Consonanza

“Trouble in Tahiti” inaugura domenica alle 19 la 55esima edizione del festival al Palladium