«Il Colosseo? Liberare il piazzale dal suq»

  • ROMA COLOSSEO

ROMA «Il piazzale antistante il Colosseo è un suq. Per raggiungere l’obiettivo della legalità e dare anche l’idea a chi arriva che l’Italia è un Paese civile, bisognerà istituire un tavolo tecnico».

Alla sua prima uscita pubblica, la neo-direttrice del parco Archeologico del Colosseo Alfonsina Russo ha dettato ieri la linea da seguire sul monumento più visitato e più tormentato d’Italia, tra ambulanti, venditori abusivi, “saltafile” e centurioni.

La dirigente ha spiegato: «É chiaro che non sono io a dover intervenire, ma è il Comune con delle ordinanze a sgomberare l’area e a ripristinare la legalità intorno al Colosseo. Chiederò dunque un tavolo tecnico con Prefettura, Questura e Comune per poter affrontare questo problema». La neodirettrice attende però di avere in mano il suo contratto prima di contattare ufficialmente il Campidoglio.

La Russo intende anche riavvicinare l’area archeologica a chi vive in città: «È fondamentale restituire il Colosseo e l’area centrale di Roma ai residenti, quindi ai romani. Dunque, dovrò lavorare sulla bigliettazione. So che è in corso un bando, va analizzato nelle diverse sfaccettature e dovrà essere analizzata poi la modalità per poter consentire agevolazioni alle famiglie e agli anziani per attrarre soprattutto i residenti, perchè talvolta sono quasi respinti a causa delle lunghe file».

PAOLO CHIRIATTI

Articoli Correlati

Al Colosseo via liberaper il parco autonomo

L'annuncia del ministro Franceschini. Il nuovo direttore scelto con un bando internazionale. L'area interessata sarà di 78 ettari