Pensioni, maxi scivolo per le aziende in crisi

  • Pensioni

Nella manovra viene approvato il prolungamento da 4 a 7 anni dello scivolo di prepensionamento. Si tratta di una agevolazione che riguarda i dipendenti in esubero di aziende in crisi e con più di 15 dipendenti. I costi sono a carico dell’azienda con cui i lavoratori devono mettersi d’accordo. Il punto è che l’azienda può “licenziare” il dipendente in esubero versandogli l’equivalente di quanto prenderebbe con la pensione. Già previsto dalla legge Fornero, il prepensionamento può alleggerire i costi aziendali consentendo ai dipendenti di andare di fatto in pensione a 60 anni. Ma solo chi ne abbia i requisiti e per il periodo 2018/2020, con l’accordo dell’azienda, senza oneri per l’Inps. 
Intanto nella manovra è stata leggermente aumentata la platea dei lavoratori esentati dalla pensione a 67 anni. 

Articoli Correlati

Arrivate già 800 domandeper anticipo Quota 100

La misura pensionistica parte a razzo, mentre il Reddito di cittadinanza manda in tilt i Caf

Quota 100 è in vigoreInps: come fare la domanda

L'Inps spiega agli utenti come presentare le domande di pensione anticipata

Al via il 1 aprilema niente cumulo

Scatta per tre anni il calcolo con 62 anni di età e 38 di contributi. Gli statali dovranno aspettare il 1° agosto