Pensioni, maxi scivolo per le aziende in crisi

  • Pensioni

Nella manovra viene approvato il prolungamento da 4 a 7 anni dello scivolo di prepensionamento. Si tratta di una agevolazione che riguarda i dipendenti in esubero di aziende in crisi e con più di 15 dipendenti. I costi sono a carico dell’azienda con cui i lavoratori devono mettersi d’accordo. Il punto è che l’azienda può “licenziare” il dipendente in esubero versandogli l’equivalente di quanto prenderebbe con la pensione. Già previsto dalla legge Fornero, il prepensionamento può alleggerire i costi aziendali consentendo ai dipendenti di andare di fatto in pensione a 60 anni. Ma solo chi ne abbia i requisiti e per il periodo 2018/2020, con l’accordo dell’azienda, senza oneri per l’Inps. 
Intanto nella manovra è stata leggermente aumentata la platea dei lavoratori esentati dalla pensione a 67 anni. 

Articoli Correlati

Inps, la "bomba" conti:in 20 anni raddoppio di spesa

Fondo pensioni lavoratori dipendenti: oggi spesa di 143 miliardi, nel 2039 previsione a 297

Pensioni anche in contantiNo al tetto per il riscatto laurea

Decretone, cash per le pensioni di cittadinanza. Riscatto agevolato laurea anche sopra 45 anni

Arrivate già 800 domandeper anticipo Quota 100

La misura pensionistica parte a razzo, mentre il Reddito di cittadinanza manda in tilt i Caf