Rapinatore salvato dal gemello identico

  • TORINO

TORINO Di fronte a due uomini le testimoni pensavano di vederci doppio. Impossibile distinguere il rapinatore dal fratello gemello. Così anche la procura di Torino si è dovuta arrendere e chiedere l’archiviazione nei confronti di un presunto rapinatore 27enne che il 29 dicembre 2016, fuori da un fast food in corso Vittorio Emanuele, ha aggredito un uomo per rubargli 200 euro e poi darsi alla fuga a bordo di un’auto scura. Poche ore dopo sulla scena del “delitto” l’aggressore è tornato con il gemello. Per le testimoni che hanno soccorso la vittima è stato impossibile riconoscere con certezza il responsabile. Inoltre mancavano immagini e video utili. Così il pm Andrea Padalino ha chiesto l’archiviazione per il principio “in dubio pro reo” (nel dubbio, a favore dell’indagato).  ANDREA GIAMBARTOLOMEI

 

Articoli Correlati

No Tav, a Chiomonteestesa la zona rossa

Torino, estesa con un'ordinanza la zona rossa attorno al cantiere di Chiomonte, in Val di Susa

La Schellino vicesindaca Maggioranza ricomposta

Appendino parla di clima di condivisione. Il test lunedì

Pollicino via dal M5SLa “conta” decisiva

La maggioranza della Appendino perde un pezzo. Montanari vaticina una città «inchiodata». Il caso Motovelodromo