Arbore Plus, e la musica è un toccasana per il cuore

  • Renzo Arbore

ROMA «La musica toccasana è un integratore  musicale per il cuore, una musica che non affatica, ma che cura e blandisce. Arbore Plus dovrebbe essere venduto in farmacia come un balsamo». A distanza di 3 anni dal precedente lavoro Renzo Arbore torna con un triplo cd (Arbore Plus, in uscita oggi) di “musica energizzante, multivitaminica, ad ampio spettro”. Il popolare musicista e showman lo presenta domani alle 19 alla Feltrinelli di via Appia Nuova.

Qual è la “musica toccasana” di cui parla?
Sicuramente lo swing, un genere che è stato riscoperto ultimamente dai giovani e che ha accompagnato la mia giovinezza. Poi ho scoperto la mia voce da crooner, abbassando un po’ la mia tonalità, e anche quello un mondo che è stato rilanciato negli ultimi tempi da artisti come Michael Bublè, Diana Krall, Peter Cincotti e con il quale sono cresciuto. E naturalmente le canzoni napoletane. Quando tempo fa ho cominciato a riproporle pochi pensavano che fossero delle vere poesie in musica, come in effetti sono.

Lei sostiene che la canzone italiana è stata sempre sottovalutata.
È stata sottovalutata moltissimo, dai tempi della romanza è sempre stata ricca di talenti, ed è stata sottaciuta dalla cultura. L’hanno bollata troppo spesso come una forma d’espressione minore, come “canzonetta”. Gli intellettuali dovrebbero fare ammenda. Noi abbiamo avuto, anche rispetto a paesi come Francia e Usa, una gran varietà d'ispirazione da De André a Dalla, da Battisti a Pino Daniele. Abbiamo esportato poco rispetto a quanto abbiamo creato.

Fra le sue creazioni c’è Doc, uno dei pochi veri programmi dedicati alla musica nel nostro paese.
A Doc, da Miles Davis a Chet Baker al gotha della musica italiana, è passata tutta la musica buona dell'epoca. Oggi le televisioni fanno soprattutto la musica che vende. I talent, i contest, i debuttanti vanno benissimo, meglio i "talent" che i "no talent", ma in Italia ci sono tanti musicisti bravissimi e giovani che non hanno alcuna visibilità.

Fanno abbastanza le istituzioni per la musica nel nostro paese?
La musica andrebbe aiutata di più. E studiata. Anche la rete, in questa direzione, può essere un veicolo straordinario.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

«Anche nella politicaci vorrebbe un po' di arte»

Renzo Arbore, una vita da musicista, autore, attore, regista e tanto altro, si racconta a Metro

Arbore, l’Orchestra e la canzone napoletana

Al Teatro Sistina chiuderà con tre concerti il tour invernale del popolare showman