Ecco l’impresa che fa i selfie ai tartufi

  • wwworkers.it

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano su wwworkers.it e su Metro  

Un tartufo scansionato con lo smartphone. E quindi tracciato e più sicuro. In fondo è questa l’idea geniale di tre amici diventati soci in affari. Insieme hanno creato Humbria, impresa legata al tracciamento dei tartufi. In un mercato di fatto che è fermo sul fronte tecnologico, perché implica una lavorazione ancora eseguita a mano. «La piattaforma è un omaggio alla regione più prolifera del tartufo in Italia e che di fatto è una di quelle che guida il mercato internazionale», precisa Alberto Frignani, 42enne di Parma.

Nella neonata azienda c’è anche Valeria Bianconi, 38enne di Gualdo Tadino e oggi a Parma, appassionata di tartufo da più generazioni. Valeria ha piantato tartufi nella sua terra d’origine. «Si tratta di piante micorizzate: le compri e le metti nella terra e dopo cinque o sei anni potrebbero produrre tartufi». E il condizionale è d’obbligo perché la coltivazione di questo fungo che vive sotto terra comporta conoscenza, intuizione e tanta pazienza. Sudore, competenza, tempo. Perché l’attesa fa parte del lavoro del tartufaio. Il terzo socio è Fausto Dassenno, 38 anni di Parma e oggi a Londra. È lui ad aver disegnato la tecnologia che sta dietro al tracciamento. «Ci conosciamo da una vita, da piccoli avevamo la passione per i computer», precisa Alberto.

Humbria è la prima piattaforma online al mondo che consente di identificare la regione di provenienza del tartufo fresco, combattendo la contraffazione sull’origine e mettendo in contatto in tempo reale il cercatore di tartufi con il consumatore finale. Tutto passa attraverso l’utilizzo di tecnologie di processo. «Il nostro primo desiderio è quello di realizzare una comunità globale fatta da partner che amano dedicare tempo e passione alla raccolta del tartufo fresco, offrendogli una opportunità di vendita online direttamente verso il consumatore finale, disintermediando l’attuale filiera e consentendogli la massimizzazione del valore», afferma Alberto.

Ma non solo. C’è un tema di tracciabilità sull’origine del prodotto, sulla data di cavatura e di conseguenza sulla freschezza, maturità, profumo del tartufo acquistato.

Articoli Correlati

L’e-commerce delle scarpe made in Italy

La storia di due giovani manager bocconiani che hanno reinventato l’e-commerce di qualità made in Italy.

Dalla Sicilia il restauratore social

La storia di Antonio Gulisano, restauratore siciliano

Il robot made in Italy che mangia l’inquinamento

La storia di Betta Maggio a capo di U-earth