Bufera in Ama Bina si dimette

  • Roma

ROMA Riprende il valzer delle poltrone all’interno dell’amministrazione capitolina.
Dopo 10 mesi Stefano Bina ha rassegnato le dimissioni con effetto immediato da Direttore generale di Ama, per «motivi strettamente personali», come scritto in uno scarno comunicato ieri mattina, nel quale si legge: «Il Presidente e Amministratore Delegato Lorenzo Bagnacani ringrazia, anche a nome del Consiglio di Amministrazione, l’ingegner Bina per il lavoro svolto ed assume, a partire da oggi, le responsabilità ad interim della direzione generale».

L’addio di Bina era in realtà nell’aria, e riflette le tensioni tra lui e l’ad Bagnacani sulla gestione dei rifiuti e della municipalizzata. Anche il rapporto con l’assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari (che ieri ha ringraziato Bina per il lavoro svolto in Ama) non era stato semplice. La stessa Montanari si era lamentata con Beppe Grillo per la situazione trovata nella Capitale per quanto riguarda la pulizia delle strade.
Bina è il secondo dg ad abbandonare l’Ama nel corso dell’amministrazione Raggi. Il primo era stato Alessandro Solidoro, che si era dimesso nel settembre 2016.

PAOLO CHIRIATTI

Articoli Correlati

Metrovia, think tankper Roma 2030

Domenica 18 al Macro "Effetto Rete. Think tank per Roma 2030"

Smog, da gennaionuove restrizioni

A rischio i diesel Euro 3, accordo tra Regione Lazio e ministero dell'Ambiente

Stretta su alcole prostituzione

Il nuovo regolamento di polizia urbana di Roma: ecco le norme anti degrado