Stop alle bollette più corte di un mese

  • manovra

ROMA Stop alla fatturazione delle bollette ogni 28 giorni per la telefonia, le pay tv e internet. La Commissione Bilancio del Senato ha approvato l’emendamento del relatore al dl fiscale che stabilisce che la fatturazione dei servizi venga fatta «su base mensile o multipli del mese», a esclusione di quella promozionale non rinnovabile e inferiore al mese. Gli operatori dovranno adeguarsi entro 120 giorni e, in caso di violazione, l’Agcom imporrà la cessazione della condotta e il rimborso ai clienti. La norma non vale per le bollette di luce e gas. Via libera in commissione anche al maxiemendamento del governo che sospende sino al 2020 le rate dei mutui per le attività economiche e le prime case inagibili o distrutte che sono localizzate in una “zona rossa” istituita a partire dal 24 agosto del 2016.

Il Pil accelera

Intanto la crescita dell’Italia si rafforza: il Pil accelera nel terzo trimestre secondo i dati diffusi dall’Istat che conferma le stime del governo e della Banca d’Italia. Soddisfatto il premier, Paolo Gentiloni, che invita a «non dilapidare i risultati». Tra luglio e settembre il Pil è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e segna la tredicesima variazione congiunturale positiva consecutiva. La crescita tendenziale del Pil si attesta all’1,8%, la più alta da oltre sei anni.

Dubbi della Ue sul bilancio dell’Italia

La Commissione europea si appresta a inviare al governo italiano una lettera di richiesta di chiarimenti sulla bozza di bilancio per il 2018. La lettera rinvierà però a maggio le decisioni dell’esecutivo, che erano attese per fine novembre. «Il fatto è che, e tutti possono vedere i numeri, la situazione in Italia non sta migliorando. C’è una deviazione dagli obiettivi di medio termine per quanto riguarda il saldo netto strutturale», ha detto il vicepresidente della Commissione Ue, Jyrki Katainen.

METRO

Articoli Correlati

Nel decreto fiscalec’è la casa di Peppina

Le ultime novità inserite nel dl collegato alla manovra sul quale al Senato sarà posta la fiducia

Ok a manovra ma Uevuole le privatizzazioni

Il Senato vota la fiducia sulla “Finanziaria di primavera” che vale 3,4 miliardi, ma l’Ecofin chiederà più impegno nella riduzione del debito

Sì alla manovrinama emergono tensioni

La Camera approva gli interventi per rispondere alle richieste dell’Unione europea, ma la maggioranza perde pezzi