De Rossi: ciao Nazionale e l'azzurro è più sbiadito

  • Calcio

CALCIO Saluta l’azzurro anche “capitan futuro”. Ovvero Daniele De Rossi, arrivato a quota 117 presenze (il quarto di sempre), campione del mondo, vice campione d’Europa, oro all’Europeo Under 21 e bronzo olimpico. Chiude con l’amaro in bocca, protagonista anche di uno scambio di vedute con il ct Ventura nel corso del quale “suggerisce” di fare entrare Insigne, rinunciando all’eventuale ruolo di salvatore della patria calcistica: «Volevo entrare, ovviamente, ma soprattutto volevo passare il turno. Per me la maglia azzurra è stata una seconda pelle, come quella della Roma. Sono 17 anni che giro per Coverciano». The end, invece. Pure per lui.

D.LAT.

Articoli Correlati

Operazione nostalgiaAl Tardini in campo gli anni '90

In campo il 23 giugno alle 17 una partita tra vecchie glorie del calcio italiano anni novanta contro quelle del Parma. Un tuffo nel passato con molti volti noti

A Pirlo il “Facchetti”Le star per l'addio al calcio

L'8 maggio l'ex fuoriclasse di Milan, Inter e Juventus sarà premiato, mentre a San Siro, il 21, ci saranno nomi assoluti

Torna l'Oratorio CupOltre il calcio, un progetto educativo

Sabato e domenica, presso il centro sportivo Torraccia, in via Francesco Paolo Bonifacio, si svolgeranno a Roma le fasi finali della "Oratorio Cup" 2017-2018