Area giochi per cani al Parco Sempione

  • Milano

CENTRO Le aiuole sono state rifatte. E così le panchine. Sono state create un’area riservata ai cani di piccola taglia, una per il gioco libero, una sabbiosa e infine una attrezzata con strumenti di “mobility”, «vale a dire con l’equivalente umano dello scivolo e dell’altalena», dice con un sorriso Roberto Perissinotto, 45 anni, architetto, presidente di quella associazione Area Cani Milano cui si deve questa piccola meraviglia. Il paradiso canino, che si estende su 6 mila metri quadrati al Parco Sempione, tra l’Acquario e il Castello, nasce su un’area cani preesistente, ma degradata, ora completamente rinnovata. Sarà inaugurato domenica 12 alle 11.30, ed è il frutto di un lavoro appassionato di privati cittadini che, “capeggiati” proprio da Perissinotto, l’autore del progetto, si impegnano a preservare dal degrado l’area per almeno un triennio. Un esperimento-pilota prezioso, per il Comune, che pensa di estendere il “modello” ad altre zone di verde. 

Il lavoro è costato molta fatica, ma è stato fatto in pochi mesi grazie al volontariato dei soci (sono 120-130). Le risorse provengono da donazioni, dalla quota associativa, e una parte molto importante l’hanno giocata le imprese partner, tra cui “Vita da cani”, un “asilo” per cani che aprirà in zona in gennaio. C’è ancora da fare, però. «Nei nostri progetti», dice Perissinotto, «c’è un sistema di illuminazione dell’area, e inoltre una zona coperta da “vele” e sormontata da un parafulmine, per la sicurezza di tutti». Auguri.

SERGIO RIZZA
Twitter: sergiorizza

Area Cani Milano: Fb e e-mail
L’associazione Area Cani Milano si può contattatre via e-mail scrivendo a info@areacmilano.com, oppure, agevolmente, su Facebook, cercando “areacanimilano”. I soci (la quota è di 50 euro annui) sono 120-130, e si impegnano col loro lavoro a preservare dal degrado l’area frequentata dai loro amici a quattro zampe.

Articoli Correlati

A Milano un registro per i richiedenti asilo

Un modo per aggirare il decreto sicurezza che ha tolto l'iscrizione anagrafica

In 439 al concorso nessuno supera la prova

Resta vacante il posto di radiologo al Policlinico

Lombardi ad un passo dall'autonomia regionale

Sarà secessione dei ricchi? Per il leghista Corbetta no