Autonomia lombarda Sono tutti d'accordo

  • Regione Lombardia

PIRELLONE Larghissima maggioranza in Consiglio regionale. Così, ieri, è passata la risoluzione per l'autonomia dopo il referendum: su 72 votanti, 67 i favorevoli, solo 4 contrari (Baldini di Fuxia People, Tomasi del Pd, Rosati e D'Avolio di Mdp), astenuta Cremonesi di Insieme. Grande coalizione, dunque. Sì dal Pd (Alessandro Alfieri: «Referendum inutile, ma ora voltiamo pagina»), dal M5S (Dario Violi: «La risoluzione non contiene propaganda, come da nostra richiesta»), da Ap (Angelo Capelli: «Nella differenza si resta ancora più uniti»). Così, con le spalle coperte, Maroni, già da domani, sarà a Roma per intavolare le trattative per l’autonomia. Chiederà, Maroni, «sei tavoli, di cui uno a Milano, per portare in Lombardia il maggior numero possibile di competenze e di risorse». Le trattative, sempre per il presidente regionale, dovrebbero concludersi a gennaio, per poi dar vita a una legge verosimilmente nella prossima legislatura. Esulta la Lega con Massimiliano Romeo. Il  cuore della risoluzione, dice, è il «coordinamento della finanza pubblica», col passaggio dal sistema «dei trasferimenti statali a quello della fiscalizzazione che evita i tagli diretti da parte dello Stato». Nessuna delusione per il fatto che non ci sia un riferimento diretto al residuo fiscale.

S. RIZ.

Articoli Correlati
Regione Lombardia

Libertà di seminterratoper abitazioni e uffici

Approvata (tra le critiche e le proteste delle opposizioni) la legge regionale.
Regione Lombardia

Fecondazione eterologaLombardia bocciata

Il Consiglio di Stato dà torto al Pirellone: ingiusto far pagare l'eterologa e sovvenzionare l'omologa
Regione Lombardia

Lavori in casa in cambio di appalti regionali

Per l’ex di Infrastrutture lombarde, Rognoni, dopo le inchieste su Ilspa e Expo, spunta anche la ristrutturazione "regalata" dalle aziende