La pioggia scaccia lo smog ma si sfiora l'esondazione

  • Milano

REGIONE A lungo attesa, alla fine è arrivata, la pioggia. Talmente tanta, però,  da portare, accanto ai benefici, problemi e preoccupazioni, se è vero che è stata diramata dalla Protezione civile un’allerta arancione per rischio idrogeologico e l’assessore milanese Granelli ha lanciato l’allarme, poi rientrato, per l’esondazione del Seveso. Andando con ordine. Fino a sabato l’aria era mefitica, causa polveri sottili. I livelli rilevati dall’Arpa: in via Pascal 89 microgrammi/m³, in via Senato 94, al Verziere 89. Nell'area metropolitana si sono raggiunti gli 86 a Limito di Pioltello e gli 85 a Magenta. Valori sopra i limiti anche nelle altre province. Poi, da ieri, acqua dal cielo: che ha ripulito l’aria, e altrettanto farà nei prossimi giorni. 
E si aggiunga che, proprio grazie alla pioggia, sabato era stata chiusa dalla Regione la fase acuta dell’emergenza incendi, per la quale il consuntivo drammatico è il seguente: dal 25 ottobre al 3 novembre sono stati toccati dalle fiamme 1.160 ettari circa di bosco, lungo tutta la fascia est-ovest della Lombardia, fino ai confini con Piemonte e Trentino. Maroni ha annunciato un fondo speciale, nel bilancio regionale, per far fronte ai danni e ai bisogni conseguenti.

Seveso e Lambro
Granelli, assessore all’Ambiente, ieri pomeriggio ha lanciato l’allarme per l’ondata di piena in arrivo del Seveso («Lambro più lento»). Poi si è corretto: «Aperti i chiusini. Evitata per un pelo».

METRO

Articoli Correlati

Tifoso ucciso, verticea Natale per gli scontri

Arrestato Ciccarelli ultrà leader dei Viking

«Maltrattato dal padrone»il pitbull mordace

Aggredì tre persone, ma la prima vittima sarebbe lui

Fnm è privata, cambiail reato per Achille

Ridotta la pena per l'ex presidente e le sue spese pazze