Il “Blue Man Group” arriva agli Arcimboldi

  • Milano/Teatro

MILANO Da venticinque anni è tra gli spettacoli più visti al mondo con oltre trentacinque milioni di spettatori, classificato come lo show più colorato di tutti i tempi. Dall’8 al 19 novembre, “Blue Man Group” sbarcherà, novità assoluta per l’Italia, sul palcoscenico del Teatro degli Arcimboldi per far vivere anche al pubblico milanese un’esperienza  multisensoriale. 

In scena un trio di Uomini Blu scateneranno una festa energetica di musica, colore, arte e tecnologia d’avanguardia. Novanta minuti di spettacolo in cui i tre comunicheranno attraverso i linguaggi universali del ritmo, del colore e dell’ironia. 

Era il 1991 quando da una semplice idea di tre amici, Matt Goldman, Phil Stanton e Chris Wink, hanno calcato per la prima volta il palco di un teatro, portando dal vivo il progetto “Blue Man Group”. 

Accompagnati da una band e strumenti musicali unici, come l’ormai famoso e imponente PVC, il Drumbone, o le spettacolari Paint Drums che inonderanno di colore il palco e gli stessi Blue Men, i tre non hanno perso occasione per condividere e comunicare, a modo loro, con il pubblico. I tre  combattono contro l’isolamento dell’essere umano, trasformando i teatri stessi in contenitori di gioia e luoghi di condivisione. 

Ne è un  esempio la Splash Zone, ovvero l’area delle prime file di platea in cui gli spettatori riceveranno in regalo un poncho impermeabili per resistere alle esplosioni di colore provenienti dal palco e, al tempo stesso, per essere protagonisti di una vera e propria opera d’arte (Info: bluemangroupitalia.it).

ANTONIO GARBISA

 

Articoli Correlati

L’Elfo Puccini puntasulla drammaturgia francese

L’apertura del cartellone è affidata alla maratona “Angels in America” in cui il protagonista è Angelo Di Genio

«I diritti dei gay con Costantino hanno più verve»

Giorgio Bozzo firma la regia di “The Boys in the Band” tradotto da Della Gherardesca

FOG riparte con la prima della Müller

“Horse-camp” della coreografa croata stasera darà il via al festival in Triennale