Le Ombre Folli di Scaldati in scena per lecite/visioni

  • Milano/Teatro

MILANO Crudele e struggente come, a volte, può essere la vita. Così sarà stasera, alle 21, al Teatro Filodrammatici “Ombre folli” di Franco Scaldati, cantore della vita e dell’anima di Palermo, drammaturgo e regista scomparso nel 2013, che verrà allestito, in anteprima, con due interpreti d’eccezione come Enzo Vetrano e Stefano Randisi, anche registi della messinscena, per “lecite/visioni”, la rassegna di teatro omosessuale, diretta da Mario Cervio Gualersi, giunta quest’anno alla sua sesta edizione.

Sul palco si ascolterà un linguaggio vulcanico, denso e primitivo, pervaso dalla musicalità del dialetto palermitano per raccontare le vite di due uomini, “ombre” di questa terra, tra momenti di velata sofferenza e di emozionante tenerezza.

Ogni monologo verrà recitato in questo racconto scenico da un personaggio e, frase dopo frase, tradotto dall’altra “ombra”, in un gioco di continui rispecchiamenti.

Uno ha la passione segreta di travestirsi, truccarsi e andare in strada a praticare l’arte in cui è maestro, come dice con orgoglio. E se qualcuno lo riconosce il suo piacere si raddoppia. 

L’altro, invece, che dice di amarlo come un figlio e che, scoprendo questa sua doppia vita, lo sequestra per redimerlo, vuole vivere con lui un’esistenza serena fino alla vecchiaia (Info: teatrofilodrammatici.eu). 

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Tramedautore diventa maggiorenne

Ad aprire la rassegna ci penserà domani alle 19,30 “Mari” di e con Tino Caspanello

Il professor Stravalaci dà lezioni d’italiano

L’attore, diretto da Francesco Frongia, in prima assoluta presenta “La lingua langue” all’Elfo Puccini

Bergonzoni all'Elfo in prima nazionale

“Trascendi e sali” è il nuovo spettacolo di Alessandro Bergonzoni in scena da stasera