Gtt, mezzi più frequenti grazie ai dati del “Bip”

  • TORINO

CITTA' Potenziamento delle principali linee, diminuzione dei tempi di attesa e viaggi più rapidi. Questi i tre principi alla base del piano con cui il Comune di Torino e Gtt ridisegnano il trasporto pubblico. Lo rivoluzione prende spunto dai dati emersi con il sistema di bigliettazione elettronica: i “bip” si sono attestati a quota 1,4 milioni ma soprattutto hanno fornito una fotografia delle linee più  frequentate dagli utenti.  Sono undici le linee rosse, usate dal 50% dei passeggeri, seguite da linee arancioni, verdi e blu, con aumento della frequenza dove c'è più richiesta. Frequenza che, per le linee rosse, sarà di 5 minuti mentre per quelle meno utilizzate ci sarà una standardizzazione, 15 minuti per le verdi e 30 per le blu, utilizzate dal 5% dei passeggeri. Su alcune linee inoltre verranno inseriti bus supplementari negli orari di inizio e fine della scuola. Quindi, nelle ore di punta il tram numero 4 passerà con intervalli di 5 minuti. Così anche il 13, il 2, 3, 10, 15, 16, 18, 55, 56 e 68. E ancora, si sta lavorando per migliorare la velocità grazie al potenziamento della priorità semaforica che, sulle linee dove è già attiva, ha migliorato la velocità dal 10 al 14% e ridotto i tempi di percorrenza di circa 5 minuti. Altri interventi sono previsti dal 2019, tra cui il potenziamento dell'intermodalità e dei tram, con un risultato atteso di 30 mila passeggeri in più al giorno (+3%).

SIMONA LORENZETTI

SMOG E INCENDI
Le polveri sottili calano ovunque al Nord, grazie al forte vento. A Torino meno a causa degli incendi in Val Susa. A Torino le centraline hanno rilevato livelli di Pm10 di 49 µg/m³, si pensa a causa del fumo dei vasti incendi che hanno interessato la Valsusa. La colonna di fumo, visibile dal satellite Nasa, è stata spinta verso Torino e la Liguria. (METRO)

Articoli Correlati

Un centro antiviolenza al Campus Einaudi

Apre uno sportello per le universitarie

Il Torino cadein casa dell'Udinese

Non basta il secondo tempo per evitare una sconfitta che sa di crisi

Agenti alle Vallette«torturavano i detenuti»

Sei ai domiciliari, altri sei indagati. Il sindacato Sappe: «Non trarre conclusioni affrettate»