Spettacolo horror-pop di scena c’è un new Dracula

  • Teatro/Torino

TEATRO Uno spettacolo horror-pop, intenso e immaginifico, che racconta di un Dracula contemporaneo e disincantato, sradicato dai suoi contesti abituali e catapultato nel Terzo Millennio. Questo sarà “Dracula - RockShadowOpera” che unirà dieci canzoni inedite dei Perturbazione dedicate al signore dei vampiri, le ombre di Controluce, il testo di Rosa Mogliasso, luci e fumi da concerto rock, inaugurando, dal 19 al 21 ottobre, la nuova stagione teatrale 2017-2018 della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Corso Galileo Ferraris. Sul palco arriverà un personaggio inquietante e complesso che, riprendendo l’estetica e l'immaginario perturbante del Nosferatu del 1922, caro ad André Breton e ai surrealisti, acquisterà ora una sua inedita ironia. In scena, mentre i Perturbazione suoneranno dal vivo, Tommaso Cerasuolo, voce del gruppo, interpreterà un esangue Conte Dracula, impegnato a resistere alle sollecitazioni di una giovanissima Lucy, interpretata dalla cantante e attrice Celeste Gugliandolo che vorrebbe riportarlo invece a vestire i panni del “Principe delle Tenebre”. I due protagonisti si muoveranno fra le ombre realizzate da Controluce, evocanti incubi oscuri, ossessioni, castelli gotici in rovina e stormi di pipistrelli in un continuo oscillare tra presente e passato. La scena sarà quasi ossessivamente dominata dal colore rosso che pulserà, si incendierà intorno alla vicenda dei personaggi attraverso un uso delle luci che proporrà un'atmosfera da concerto rock (casateatroragazzi.it).

Antonio Garbisa

Articoli Correlati

“Play with food” Il cibo si ruba la scena

A Torino il primo festival in Italia di teatro, arti performative e arti visive interamente dedicato al cibo

L’allegra vedova di scena con Maddalena Crippa

L’eclettica attrice sul palco del Teatro Gobetti per riscoprire una delle opere più acclamate

Figli di un Dio minoreRitorno alle origini

Al Teatro Erba con la regia di Marco Mattolini e l’interpretazione di Giorgio Lupano e di Rita Mazza