Roma-Napoli Di Francesco verso il 4-2-3-1

  • Calcio

CALCIO Roma-Napoli è una partita spartiacque: chi vince si siede al tavolo dello scudetto, chi perde si alza e se ne va. L’infermeria è dalla parte dei napoletani: a parte il lungodegente Milik, tutti gli azzurri sono a disposizione. Sarri riproporrà il consueto undici con un solo dubbio in mediana tra Allan e Zielinski per affiancare Jorginho e Marek, mentre davanti spazio al solito tridente dei “piccoli” Callejon-Mertens-Insigne, quest’ultimo alla ricerca del suo centesimo gol da professionista.

Roma, dal 4-3-3 al 4-2-3-1?
 Eusebio Di Francesco a Trigoria sta studiando un “piano segreto”, che sarebbe il modulo 4-2-3-1 con il ninja Nainggolan spostato avanti di dieci metri a levare campo a Jorginho. Il tecnico abruzzese dovrà invece rinunciare a pedine importanti come El Shaarawy (infortunatosi in nazionale), Defrel e quasi sicuramente anche Strootman. Patrick Schick sta lavorando ancora a parte. Chi invece è recuperato è Lorenzo Pellegrini: «Il Napoli sta facendo benissimo, ma anche noi stiamo facendo bene. Dobbiamo continuare così», ha detto. Nel frattempo la questura capitolina ha messo appunto il piano sicurezza per l’ordine pubblico. I tifosi del Napoli che accederanno nelle tribune Tevere e Monte Mario, sono invitati alla prudenza nell’ostentare comportamenti di appartenenza alla tifoseria durante il transito nelle aree dove inevitabilmente ci saranno commistioni. 

METRO

Articoli Correlati

Violenza morale?Donnarumma: «mai subita»

Il portiere su Instagram ha scritto di non aver mai patito pressioni al momento della firma con il Milan. Ma Raiola continua nella sua strategia

Inter, contro l'Udinesetornano i "titolarissimi"

Brozovic trequartista alle spalle di Icardi, Joao Mario bloccato dalla tonsillite. Pericolo "psicologico" dopo la gara balbettante in Coppa Italia

Una Roma da scudetto?Patrick Schick dice sì

L'attaccante ceco contro il Cagliari sarà probabilmente titolare per la prima volta al fianco di Dzeko. Le difese sono avvisate