Referendum su autonomia Prove di voto digitale

  • Milano

LOMBARDIA Ventiquattromila tablet, che rimarranno poi a disposizione delle scuole lombarde, per il debutto del voto elettronico in Italia. Costo complessivo dell'operazione (che comprende fornitura, consegna, assistenza e ricondizionamento) 22 milioni di euro. Le “voting machine” entreranno per la prima volta nelle cabine elettorali il 22 ottobre, in occasione del referendum lombardo per l'autonomia. Giovedì scorso i tablet sono stati collaudati. Oggi avverà la simulazione di voto davanti ai sindaci lombardi.
Il 22 ottobre i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. La tessera elettorale non servirà, basterà la carta d'identità. Nella cabina ci saranno le  voting machine. Sullo schermo dei tablet ci sarà il testo del quesito, ovvero: “Volete voi che la Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell'unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie a richiedere allo Stato l'attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all'articolo richiamato?”. Tre le re opzioni: si, no o mi astengo. Alle 23, il presidente del seggio dichiarerà chiuse le operazioni di voto. Il risultato sarà noto subito dopo. METRO

Articoli Correlati

Il navigatore solitario che circumnaviga Milano

Simone Lunghi ha pagaiato sul surf tra canali e navigli

Giornata nera sulla M118 feriti per due frenate

Due episodi diversi mandano la rossa in tilt