Con la cedolare secca evasione scesa del 42%

  • Affitti

ROMA partire dall'introduzione della cedolare secca sugli affitti abitativi, l'evasione tributaria (tax gap) è diminuita del 42% e la propensione all'inadempimento si è ridotta del 40%.
È quanto emerge dal “Rapporto sui risultati conseguiti in materia di misure di contrasto all'evasione fiscale e contributiva”, allegato alla nota di aggiornamento del Def.
In particolare, tra il 2010 ed il 2015 il tax gap è passato da 2,3 a 1,3 miliardi di euro, mentre la propensione al gap è scesa dal 25,3% al 15,3%.
Secondo il  presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, «Ora ci sono le prove. La cedolare secca sugli affitti abitativi da parte di persone fisiche,  per anni proposta da Confedilizia e finalmente varata nel 2011,  ha pienamente centrato uno degli obiettivi che si prefiggeva, quello di ridurre l'evasione fiscale. In pochi anni si è quasi dimezzata sia l'entità delle somme sottratte al fisco sia la propensione all'inadempimento, recuperandosi circa un miliardo di euro. Inoltre, i numeri certificano che, negli ultimi anni, questo è l'unico comparto nel quale la tax compliance è cresciuta».
La cedolare si impone anche per ragioni di equità, anzitutto per compensare almeno in parte il forte carico di tassazione patrimoniale che gli immobili locati subiscono con Imu e Tasi. «Questi dati - conclude Spaziani Testa - dovrebbero finalmente convincere Parlamento e Governo ad estendere la tassazione sostitutiva agli affitti non abitativi, a partire da quelli di negozi e  uffici. Le risorse le offre proprio il recupero di evasione ottenuto con la cedolare nel settore abitativo. Adesso, davvero, non ci sono più scuse».

METRO

Articoli Correlati

Nuovi rincariper le stanze nelle città universitarie

Secondo Immobiliare.it, quest'anno si registrano aumenti degli affitti agli studenti nella maggior parte delle città

Affitto assicuratoArriva la polizza anti-morosi

In Jtalia ci sono 7 milioni di case sfitte. Molte per la paura di problemi con gli inquilini

Affitti di mercato giùmeglio i concordati

Lo pensa Arnaldo Cogni, presidente dell'associazione Piccoli Proprietari di case