Io, le chat e mio nonno

  • CARLO BARBIERI

Un’amica mi dice che odia le chat professori-genitori a cui è costretta a partecipare. “Sono bombardata da messaggi del tipo “Ciao!” seguiti da raffiche di gioiosi “Ciao a  te” con faccine che mandano bacetti; oppure  stupidate come “Oggi primo fiore nel mio balcone” a cui gli altri rilanciano: “Nel mio due” “Nel mio tre” e lì grappoli di cuoricini, foreste di pollici in su e branchi di felici cagnetti animati”. 

Insomma, c’è un problema.

E improvvisamente mio nonno mi dà la soluzione. Naturalmente dall’aldilà, visto che è morto nel 1955, quando l’idea che qualcosa potesse rivoluzionare i mezzi di comunicazione era venuta solo agli scrittori di fantascienza. Ora vi dico. 
Il lavoro aveva fatto diventare mio nonno uno dei "personaggi di spicco" di un paesino, e sapeva che da quel momento sarebbe stato bersagliato da decine di richieste di "padrinaggio" di neonati a ognuno dei quali avrebbe dovuto regalare la classica catenina d'oro. Il poveretto avrebbe dovuto decidere fra la bancarotta e l’inimicarsi tutto il paese... ma ebbe il colpo di genio. Al primo che lo avvicinò con la proposta  "Cavaliere, io e mia moglie saremmo onorati... " rispose tutto triste: "Senta, una volta che me l'hanno chiesto, durante la cerimonia mi è scappato di mano il bambino... una cosa terribile. Ma se lei ci tiene...". La risposta fu "No cavaliere, lasci stare per carità”, e da quel momento fu lasciato in pace. 

Ecco l'idea: al primo che vi propone di entrare in una chat antipatica, dite con la faccia alla NonnoDiCarloBarbieri: "Mi piacerebbe, ma una volta che l'ho fatto ai partecipanti è successa una serie di cose orribili".

E lì fate voi, l’importante è che ci andiate sul pesante. Poi concludete: "Non so. Tu che dici?". Se è donna l'interlocutore vi dirà "Meglio di no. Non sono supertiziosa, ma...”. Se invece è uomo dirà la stessa cosa, ma mettendosi una mano in tasca. Per assicurarsi di avere con sé le chiavi di casa, ovvio.

CARLO BARBIERI

 

------------

Carlo Barbieri, scrittore, è autore tra l'altro dei gialli "La pietra al collo", "Il morto con la zebiba", "Il marchio sulle labbra", "Assassinio alla Targa Florio" e "La difesa del bufalo".

Articoli Correlati

Lui, più maestrodegli altri

L'opinione di Carlo Barbieri

Quanti danni fachi truffa con le Onlus

L'opinione di Carlo Barbieri

La donna che considerai confini assurdi

L'opinione di Carlo Barbieri