Polaroid è tornata, ecco OneStep 2

  • fotografia

Di gadget col marchio Polaroid ne sono usciti tanti, negli ultimi anni. Dall’instant camera Snap all’action cam Cube. Si è tuttavia sempre trattato di prodotti in licenza. La gloriosa azienda di Minnetonka, in Minnesota, era infatti fallita rovinosamente, e per la seconda volta, nel 2008. Sospendendo la produzione delle macchine a sviluppo istantaneo che hanno segnato generazioni di appassionati così come delle relative pellicole. E limitandosi al pur proficuo lavoro di gestione del marchio. Da allora, però, e anzi già dal 2005 – il primo fallimento è del 2001 – un gruppo di appassionati ed ex dipendenti raccolti nell’azienda Impossible Project ne ha tramandato l’eredità. Per esempio acquistando uno stabilimento olandese e continuando a produrre pellicole per i mitici modelli SX-70, Spectra e 600. Così come ricondizionando pezzi vintage. Lo scorso giugno quell’azienda, o meglio il suo principale azionista, ha acquistato la Plr Ip Holdings, proprietaria del brand e dei brevetti di Polaroid. Con il denaro di un ricco imprenditore polacco di origini ucraine, Wiaczeslaw (Slava) Smolokowski, e del figlio 28enne Oskar, il cerchio si chiude. E a ottant’anni dalla fondazione Polaroid torna con la nuova OneStep 2, una instant camera con scocca in bianco o nero che si rifà all’estetica dell’originale del 1977. E soprattutto può utilizzare sia pellicole 600 che I-type, quelle di nuovo tipo ideate dall’Impossible Project. Complicata vicenda commerciale a parte, Polaroid resuscita dunque per davvero con il brand “Originals” e un nuovo prodotto dal costo contenuto (119,99 euro), già in preordine e in arrivo a ottobre. Punta-e-scatta semplice, flash integrato e timer per autoscatto, sarà accompagnata da una nuova generazione di pellicole con formato originale a colori, in bianco e nero e in edizioni speciali da 15,99 a 18,99 euro. SIMONE COSIMI

Doro 8040

Il “telefono per i nonni” sfrutta un sistema operativo profondamente ripensato. Che passa dalle azioni e non dalle app. Si tratta di una versione di Android Nougat con tre icone: “Chiama”, “Visualizza” e “Invia”. A loro volta sono associate a “Chi” o “Cosa”. In tre passaggi si riesce a compiere ogni azione. C’è anche My Doro Manager, un sistema con cui amici e parenti possono gestire lo smartphone a distanza. Costa 229,99 euro.

Nilox, Doc e-bike X1

Design essenziale, Doc e-bike X1 del brand Esprinet è una bici a pedalata assistita attivabile dal manubrio con telaio ripiegabile, ruote da 20’’, portapacchi posteriore, sella ergonomica, parafanghi, batteria a sgancio rapido e porta di ricarica Usb per smartphone. Si ricarica in 2-3 ore e permette di percorrere dai 15 ai 25 km. Costa 649,90 euro.

WeTaxi

Wetaxi è un’app per iOS e Android nata per trasformare dall’interno il trasporto urbano garantito dai taxi. Consente di prenotare gratuitamente un’auto bianca tramite smartphone e di condividere la corsa con altri clienti in pieno “taxisharing”: puoi calcolare la tariffa in anticipo e controllare gli spostamenti in tempo reale. Alla fine paghi via app oppure a bordo. Per ora a Torino. www.wetaxi.org

 

Articoli Correlati

Rino Barillari, the King"I selfie? La rovina dei divi di oggi"

"The king of paparazzi" racconta a Metro la sua Dolce Vita tra gli eccessi dei divi nella Hollywood sul Tevere. A Castel Romano una mostra lo celebrae.

Jazz con vista:foto per beneficenza

Roma, giovedì 11 luglio all’Uliveto Roof Garden dell’Hotel Diana le foto di Raffaele Roselli per "La mia famiglia"

Nel bianconero di Farabolala magia del vecchio calcio

In mostra a Roma fotografie dall'archivio Farabola: raccontano il calcio e l’Italia dagli anni Trenta ai Sessanta