Milano “caput cinema” con i film di Venezia e Locarno

  • Milano/Cinema

MILANO  I festival internazionali del cinema sbarcano, da domani al 27 settembre, in città con i loro acclamati film d’autore. Il merito va alla tradizionale e sempre seguitissima rassegna “Le vie del cinema – I film di Venezia e i Pardi di Locarno a Milano” che, nel corso dei suoi nove giorni di programmazione, proporrà una ricca selezione dei film presentati alla 74esima Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia e al 70esimo Locarno International Film Festival, oltre ad alcuni titoli della 53esima Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e del Milano Film Festival Season 22.

Un’occasione per vivere, spesso in anteprima rispetto alle uscite ufficiali, alcuni titoli importanti con ben 62 proiezioni di 36 film in 12 sale cinematografiche cittadine, dall’Anteo Palazzo del Cinema all’Arcobaleno Filmcenter, dal Mexico al Plinius.

Ad inaugurare la rassegna sarà domani, alle 13, al Colosseo Multisala “Lola Pater” di Nadir Moknèche con Fanny Ardant, Tewfik Jallab e Nadia Kaci. Una vicenda familiare sul tema del cambiamento di sesso, affrontato in maniera umanissima e per nulla prevedibile che fa a pezzi ogni stereotipato perbenismo.

Molto attesi  i film che arrivano dal Concorso della Mostra veneziana come il Leone d’Argento Gran premio della giuria “Foxtrot” di Samuel Maoz, il Leone d’Argento per la Migliore Regia e Leone del futuro Venezia Opera Prima “Jusqu’ à la garde” di Xavier Legrand, oltre a “Victoria & Abdul” di Stephen Frears, presentato Fuori Concorso al Lido, con una strepitosa Judi Dench nei panni della Regina Vittoria (Info: lombardiaspettacolo.com). 

ANTONIO GARBISA

 

Articoli Correlati

Al Cinemino tre giorni di film in bicicletta

Da oggi la rassegna che si inserisce nella “Milano Bike City”

Milano Movie Week,una settimana a tutto cinema

Da dopodomani al 21 settembre “Fuoricinema”, il Festival del documentario e “Le vie del Cinema”

Milano si scopre set per cinema e moda

Oltre tremila in sei anni le richieste giunte a Palazzo Marino per foto, documentari e film