La musica di frontiera finisce in festival

  • Roma/Musica

ROMA Venti anni di vita per “Una striscia di terra feconda” in programma da oggi a sabato 23 settembre fra Palombara Sabina, Tivoli, il Parco della Musica e la Casa del Jazz. Nato nel 1998 dall'amicizia fra Paolo Damiani e Armand Meignan, il festival ha avuto fin dalle origini lo scopo di creare uno spazio vitale per quelle musiche di frontiera non facilmente classificabili o riducibili alle categorie di genere. Il campo di indagine della rassegna è circoscritto a Italia e Francia, influenzando in modo profondo e duraturo la programmazione di musicisti francesi in Italia e di musicisti italiani in Francia. 

Anche quest'anno il festival punta sui solisti più affermati e su giovani talenti da valorizzare, oltre che su produzioni originali proposte in prima assoluta.

L'inaugurazione è affidata stasera alle 21 al Castello Savelli di Palombara Sabina all'omaggio a Lucio Dalla del bassista Pippo Matino e della cantante Silvia Barba, a cui farà seguito un concerto di Javier Girotto

Dopo i concerti di domani, a Palombara, e quelli di domenica e lunedì a Tivoli, “Una striscia di terra feconda” verrà ospitato da martedì 19 al Parco della Musica e offrirà diversi incontri franco italiani e produzioni originali, come quella che presenteranno il trio Maria Pia De Vito, Delbecq/Rabbia.

Fra gli appuntamenti da non perdere all'Auditorium il concerto del duo Paolo Fresu/Gianluca Petrella giovedì 21  e quello del supergruppo Petrella/Rea/Fresu/Damiani/Ceccaldi del 22. 

STEFANO MILIONI

 

Articoli Correlati

Ghali in concertotra musica e teatro

Domani sarà sul palco del Palalottomatica

Buongiorno Italia, arriva il trap di Jesto

Stasera salirà sul palco dell’Orion di Ciampino

L'opera di Bernstein apre Nuova Consonanza

“Trouble in Tahiti” inaugura domenica alle 19 la 55esima edizione del festival al Palladium