Chikungunya, il sangue arriva dal nord Italia

  • Roma

ROMA L’Italia si mobilità per scongiurare l’emergenza sangue nella Capitale, dove mercoledì la Regione ha disposto il blocco delle trasfusioni nell’Asl Roma 2 e nel territorio di Anzio. Una scelta obbligata per scongiurare la diffusione della chikungunya, la malattia diffusa dalla puntura delle zanzare tigri, che provoca febbri altissime e dolori articolari che si protraggono per settimane dopo la guarigione.

Ieri il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, ha ringraziato Lombardia, Emilia Romagna e Toscana, che si sono mobilitate per far affluire le sacche di sangue necessarie a coprire un bacino di utenza di circa un milione e mezzo di persone, con un fabbisogno di 200 unità di plasma al giorno. La Lombardia ha già inviato 160 sacche, Emilia e Toscana si stanno mobilitando tramite l’Avis. Nel frattempo i casi nel Lazio sono saliti a 27, gli ultimi 10 contagi accertati ieri provengono tutti dal territorio di Anzio.

METRO

Articoli Correlati

Il Papa in Campidoglio"Roma resti inclusiva"

Papa Francesco in visita in Campidoglio. Il discorso in Aula Giulio Cesare

Rifiuti, a Rocca Cenciauna linea è fuori uso

Dopo l'incendio di ieri sera. Potenziati i servizi dedicati alla raccolta differenziata

La corona di Mattarellaalle Fosse Ardeatine

Anniversario dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, Mattarella ha deposto una corona di alloro