Mobilità sostenibile 7 giorni di iniziative

  • TORINO

TORINO Ci saranno anche un incontro su religione e mobilità ciclabile, un concorso di idee sullo spazio condiviso che premierà un cittadino realizzando il suo progetto, una passeggiata naturalistica nei giardini del centro e il Giretto d’Italia, fra le iniziative che la Città di Torino, insieme ad associazioni e realtà del territorio, promuove per la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

La kermesse va dal 16 al 22 settembre: in calendario anche l’inaugurazione delle 20 colonnine di ricarica per auto elettriche di Route 220, la presentazione della nuova flotta di bus elettrici e una pedalata collettiva per inaugurare la nuova pista ciclabile di corso Orbassano. Quest’anno, inoltre, rientra negli eventi anche la Festa dei Vicini di sabato e domenica, con 65 punti d’incontro in tutte le circoscrizioni. Non ultimo, la prima domenica ecologica della stagione 2017-2018, che partirà il 17 settembre, a che riguarderà la sola Ztl.

Una scelta giudicata da Paolo Hutter di Eco dalle Città, una sorta di retromarcia. Accusa a cui ha risposto l’assessora torinese alla Mobilità, Maria Lapietra: «Per noi ha un senso fortemente educativo, e quando era su tutta la città non era percepita come una vera domenica ecologica, quindi meglio restringere l’area e far sì che se ne percepiscano davvero i vantaggi», aggiungendo che oltre alla Ztl centrale chiuderanno anche alcune aree, decise di volta in volta con le Circoscrizioni. «Quando si è fatta su tutta la città - ha proseguito - anche viste le numerose esenzioni, non era possibile fare dei controlli capillari. Non possiamo avere uno squadrone di vigili su tutta la città. Sarà molto più efficace con un’area più ristretta e i cittadini la percepiranno davvero come una giornata senz’auto».

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati

Rifiuti in fiammeè già record nel 2018

Sono sette, quanti tutti quelli del 2015

Il sindaco Appendino al pranzo “Arcobaleno”

«C’è bisogno di tutelare i diritti e tanti oggi non sono ancora tutelati», ha spiegato ieri in diretta su Facebook

Agenzia delle EntrateArrestati tre "furbetti"

I dipendenti degli uffici torinesi percepivano indennità per missioni mai effettuate