Uranio, la Commissione accusa la Difesa

uranio impoverito
  • Uranio impoverito

 

Roma - Morti di Stato e disastri ambientali con una «clamorosa sottovalutazione» da parte della Difesa che ha portato a decessi e malattie. I casi ufficiali sono 549. Mai prima di oggi la politica aveva usato parole così dure, e sono ancora più inedite visto che a pronunciarle è stato il presidente Pd della Commissione di inchiesta sull’uranio impoverito Gian Piero Scanu.

Conferenza stampa di presentazione della relazione intermedia, questa mattina alla Camera. Tutti i membri della commissione presenti, consulenti inclusi. C'era anche l'ex procuratore Raffaele Guariniello e il coordinatore dell'Osservatorio militare. Aria tesa, parole dure come pietre. O come uranio impoverito, quello che è stato utilizzato nelle campagne belliche dal 1991 in poi, e del quale è sempre stata negata la tossicità dai vertici militari.
Invece, è di tutt’altro avviso questo documento della Commissione, frutto di quasi 200 audizioni.

Rischiano la vita, i nostri soldati, e non solo per le “normali” attività militari: «Rischi di esposizione ad agenti chimici e cancerogeni connessi a sostanze impiegate nelle diverse attività. Le criticità maggiori sono segnalate nelle zone dei poligoni di tiro, e ulteriori rischi, altrettanto rilevanti, insidiano le caserme, i depositi e gli stabilimenti militari», dice il presidente. 

«Ci sono stati decessi e malattie, a fronte di una previdenza inesistente, e di un'attività ispettiva sconosciuta», ha sottolineato Scanu.
«Nei teatri operativi all’estero l’inammissibile ritardo con il quale vengono effettuati i monitoraggi ambientali e persino le scarse conoscenze circa l’uso in tali contesti di armamenti pericolosi anche da parte di Paesi amici, fanno emergere l’esposizione a numerose situazioni di rischio non preventivamente, né adeguatamente, poste sotto controllo», c'è scritto nella relazione.

E ce n’è anche per “casa nostra”, quella Sardegna dei poligoni militari che per decenni sono stati terra di sperimentazione: «Non escludo, per quello che noi abbiamo potuto vedere, che la cosiddetta penisola interdetta possa essere la sede in cui è stato perpetrato un vero e proprio disastro ambientale», riferendosi alla Maddalena. Per bonificarla, si è detto, servirebbero almeno 500 anni.

La Commissione aveva presentato una proposta di legge mesi fa: «La pdl 3925, è ferma da oltre un anno in Parlamento di fatto "bloccata dalla Difesa, perché ritenuta pericolosa», ha accusato il presidente.

«La relazione intermedia della commissione parlamentare riaccende speranze e sarà certamente oggetto di discussione mercoledì prossimo quando, per la prima volta nella storia, vittime e famigliari daranno vita ad un sit-in davanti a Montecitorio chiedendo di conferire con il Presidente del Consiglio e Presidente e vicepresidenti della Camera»: è il prossimo step, promesso da Leggiero. Militari in piazza per sostenere il lavoro della Commissione che vuole chiedere, e questa volta ottenere, giustizia.
 

STEFANIA DIVERTITO

Articoli Correlati
Uranio impoverito
Uranio impoverito

Uranio, le bugie militaridenunciate in Procura

La Commissione di inchiesta invia ai magistrati la testimonianza del generale Carmelo Covato
Uranio impoverito
Uranio impoverito

Uranio, parla Guariniello"C'è materia per una denuncia"

Audizione del super magistrato torinese
Esercitazioni militari in Sardegna
Uranio impoverito

Fosforo bianco usatonella penisola di Capo Teulada

La testimonianza di un soldato alla Commissione uranio: «Abbiamo sparato questi proiettili durante le esercitazioni»