L’e-commerce del pane appena sfornato e già in rete

  • wwworkers.it

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano su wwworkers.it e su Metro  

«Sembrava un’impresa impossibile e invece ce l’abbiamo fatta. Oggi il nostro pane può essere acquistato online e ricevuto in ogni angolo d’Italia nel giro di poche ore». Antonio Follador, 49enne di Prata di Pordenone – paese di quasi novemila anime nel friulano, ai confini con il Veneto – è orgoglioso del suo lavoro e di come lo sta trasformando grazie al digitale.

Antonio è un panificatore da una vita ed è alla guida dell’attività di famiglia da una ventina d’anni. Ad aprire l’impresa è stato suo papà. Esattamente quarantanove anni fa, proprio quando Antonio veniva alla luce.

Grazie ad Antonio e al suo team di sedici collaboratori da alcuni mesi è possibile ordinare online il pane preparato con farine vive e ricette naturali e riceverlo direttamente a casa, pur abitando a centinaia di chilometri di distanza dal panificio.

Tutto è partito col progetto Botteghe Digitali e con il supporto del professor Stefano Micelli. «Grazie a questo progetto navigabile su Paneincassetta.panificiofollador.it stiamo “accelerando” le fasi del fare impresa, innestandole di innovazione. Ci siamo aperti ad un mercato globale e oggi riusciamo ad esaudire le richieste che arrivano dalle piazze di Milano, Torino, addirittura Palermo», precisa Antonio.

Spedire il pane al consumatore finale in tutta Italia entro l’arco delle ventiquattro o al massimo trentasei ore. Il segreto per mettere in piedi uno dei primi e-commerce italiani sul pane sta tutto nella panificazione, realizzata con lievito madre. Oggi il panificio Follador produce pani, torte, pasticceria con i migliori grani del mondo macinati a pietra. «Cerchiamo le migliori farine dai migliori mulini e le combiniamo con le nostre. Abbiamo anche un mulino a macina in pietra e lì selezioniamo i migliori grani e li maciniamo. Otteniamo un pane che ci consente di avere un tempo di resistenza di quindici giorni. E così sfatiamo il tabù che il pane va preso e consumato in giornata: non è vero, o per lo meno il consumo in poche ore è per il pane fatto con lievito di birra. Invece paradossalmente il nostro dal secondo giorno è più buono».

Il panificio lavora duecento chili di farina al giorno e grazie al web si è moltiplicato. «Affrontiamo il mercato con passione, competenze, energia. Attualmente abbiamo due negozi a Pordenone, con la prospettiva di aprirne un terzo. Fondamentalmente siamo specializzati nei lievitati. Partiamo dal pane e arriviamo ai lievitati da ricorrenza, come panettoni e colombe».

Le prossime sfide hanno a che fare con rete e social media. «Punteremo ad una campagna di web marketing e alla creazione di un configuratore: consentiremo ai clienti di personalizzare la loro cassetta con i nostri prodotti buoni e genuini», conclude con orgoglio Antonio, panificatore digitale.

Giampaolo Colletti

@gpcolletti

 

 

 

 

Articoli Correlati

L’e-commerce delle scarpe made in Italy

La storia di due giovani manager bocconiani che hanno reinventato l’e-commerce di qualità made in Italy.

Dalla Sicilia il restauratore social

La storia di Antonio Gulisano, restauratore siciliano

Il robot made in Italy che mangia l’inquinamento

La storia di Betta Maggio a capo di U-earth