Migranti: Pio Albergo Trivulzio, nostro impegno è per senza tetto

Milano, 17 lug. (AdnKronos) - Il Pio Albergo Trivulzio non si appresta a ospitare migranti. A chiarirlo, a seguito di alcune indiscrezioni, è la Direzione del Pio Albergo Trivulzio. In relazione alle dichiarazioni del consigliere regionale Riccardo De Corato, la casa di cura precisa che si tratta di un "equivoco", in quanto "le trattative con Arca non riguardano i profughi, ma proprio i clochard che vengono giustamente ricordati come bisognosi di assistenza dal Capogruppo di Fratelli d’Italia–Alleanza Nazionale al consiglio regionale della Lombardia".


In accordo con Regione Lombardia e Ats di Milano, che seguono fin dal 2016 la vicenda, è in corso di definizione con Arca un'intesa per trasferire al Trivulzio il reparto " Post acuta homeless" di 20 posti letto, funzionante ed accreditato. Si tratta di un progetto regionale sperimentale attivato fin dal gennaio 2014 per persone che vivono in strada, in maggioranza di nazionalità italiana e comunitaria, che hanno bisogno di assistenza dopo un ricovero ospedaliero.