In fiamme Castelfusano un morto a Giugliano

  • incendi

ROMA Paura sul litorale romano, dove è bruciata la pineta di Castelfusano e un morto in Campania a Giugliano: un 53enne è precipitato dal tetto del capannone dove era salito per contrastare le fiamme. «Azioni criminali che vogliono sottrarre il territorio al turismo per far largo alla speculazione edilizia o allo smaltimento illegale di rifiuti», ha denunciato il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti.

La Capitale ieri ha subito la giornata peggiore: stretta nella morsa del fuoco, ieri ha rivissuto le terribili ore di 18 anni fa, quando la pineta di Castel Fusano andò in fumo. Ieri il disastro ambientale è stato quasi replicato, nonostante le avvisaglie delle scorse settimane, con i numerosi focolai che erano stati accesi nel polmone verde alle spalle del litorale romano.

È stato un inferno: dalle 15:30 in poi le fiamme, divampate da almeno tre diversi focolai, hanno divorato decine di ettari di macchia e pineta, minacciando le abitazioni più vicine a via della Villa di Plinio. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e i volontari della Regione, con autobotti, un canadair, cinque elicotteri. Le colonne di fumo erano visibili anche dal mare. Per sicurezza la Colombo e la litoranea sono state chiuse al traffico. Sul posto è arrivata anche la sindaca Virginia Raggi, che ha parlato di un vero e proprio disastro ambientale.

Mentre le fiamme divoravano la vegetazione, i carabinieri hanno fermato nel fitto della pineta un ragazzo di 22 anni mentre dava fuoco a dei fazzolettini di carta. Il sospetto piromane è un idraulico originario di Busto Arsizio. Oltre a lui altri tre sospetti piromani sono stati bloccati. Si tratta di un pensionato a Lecce, un altro uomo a Sciacca e infine un 24enne romeno nel Parco nazionale del Cilento.

Coldiretti: un luglio bollente

Siamo nel cuore di un luglio bollente, con una media delle temperature superiore di 2,6 gradi rispetto agli altri anni e le precipitazioni in calo del 60%. Due fattori che, insieme al forte vento di grecale, favoriscono gli incendi. Una situazione climatica che quest’anno ha provocato perdite di quasi 2 miliardi alle coltivazioni e agli allevamenti. Lo ricorda Coldiretti. Quanto ai boschi, «per difenderli davvero occorre creare le condizioni affinchè si contrasti l’allontanamento dalle campagne».

METRO

Articoli Correlati

Incendi devastano il NordRecord di ettari andati in fumo

Centinaia di persone evacuate in Piemonte

Fuoco vicino all'A1,bloccato il traffico

In entrambe le direzioni tra la Diramazione Roma Nord e Ponzano Romano

Un anno da recordper gli incendi

Mai così tanti interventi nell’ultimo decennio. Il Governo prepara delle norme d'urgenza