Gli Arcade Fire tornano col nuovo "Everything now"

  • Milano

MUSICA I loro fan sono in trepida attesa. Perché gli Arcade Fire stanno per tornare. Stasera saranno in concerto all’Ippodromo di San Siro (ore 21, euro 42.40; in apertura Hercules & Love Affair), e il 28 luglio pubblicheranno un nuovo cd, “Everything Now”, a quasi quattro anni dal precedente lavoro, l’acclamatissimo “Reflektor”.

Molto probabilmente il gruppo canadese proporrà qualche estratto dal vivo dell’ultima fatica discografica: in circolazione, infatti, ci sono già quattro nuovi pezzi, fra cui il recentissimo “Electric Blue”, dallo strano incedere funky-dance. In ogni caso, per chi ama l’indie di tendenza, sarà un appuntamento da non perdere. Perché gli Arcade Fire, amatissimi dalla critica, da illustri colleghi (dai Coldplay agli U2) e da un numero crescente di appassionati, sono uno dei gruppi più chiacchierati degli ultimi anni, anche per le coinvolgenti e vibranti esibizioni live. Insomma sarà l’occasione buona per (ri)ascoltare il suono evocativo e originale di Win Butler e soci, intriso di stili e influenze diversi, sublimato in dischi di culto come “Funeral” e “The Suburbs” e non alieno da messaggi socio-politici.

Tributo ai Fab Four
Più retrospettivo (e nostalgico) lo spettacolo in scena al Castello Sforzesco, “Buon Compleanno Sergeant Pepper!” (ore 21, euro 10), dedicato ai 50 anni del celebre album beatlesiano. Per l’occasione si esibiranno Davide Verazzani, Fabrizio Grecchi, Rolando Giambelli e L’Aura. La parte centrale della serata vedrà un supergruppo indie, guidato da Roberto Dell’Era, eseguire la scaletta del disco in versione integrale dal vivo, fino a una jam session finale con ospiti a sorpresa.

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Definizione agevolataper evitare sanzioni

«Non è un condono», dice l'assessore Tasca. Si applica alle liti pendenti sui tributi locali

Il rimedio del giorno dopo

L'opinione di Maurizio Guandalini

Architetto sfigurato con l'acido per strada

Aggredito da due sudamericani che conosce ai giardini Montanelli.