Tpl, sciopero e guasti paralizzano la Capitale

  • Roma

ROMA L’adesione allo sciopero del trasporto pubblico, indetto ieri da Sul, Faisa-Confail e Usb, a detta dei sindacati ha sfiorato il 90%. E c’è da credergli, vista la paralisi in cui è piombato il traffico cittadino. Nella Capitale l’agitazione (la quarta in sei mesi) si è estesa sulle 24 ore, mentre nel resto d’Italia è stata di sole 4 ore. Ma per i pendolari che hanno preso d’assalto i mezzi pubblici nelle fasce di garanzia i disagi sono stati comunque pesanti: frequenza di corse limitata sulla linea Roma-Lido, fino alle 8; rallentamenti sulla linea Roma tiburtina e Roma Tuscolana, dalle 6:20, con conseguenti ritardi anche per i treni della linea Orte-Fiumicino aeroporto e della Roma Viterbo (fino a 90 minuti). E ancora, un guasto alla linea elettrica ha limitato le corse dei tram 5 e 19, mentre un mezzo fermo sulla Prenestina, ha creato disagi alla linea 14. Come se non bastasse, i lavori di potatura sulla Colombo, all’altezza delle Mura Aureliane, ha ristretto le carreggiate, mentre all’Eur i cantieri e le conseguenti deviazioni per riparare il ponte del Laghetto, hanno mandato in tilt la circolazione. Sempre sulla Colombo, l’incendio della vegetazione lungo lo spartitraffico tra Acilia e Malafede ha creato ulteriori ingorghi. Ma il traffico è andato in tilt su tutte le principali arterie della città, mentre a  Termini era caccia ai taxi.

METRO

Articoli Correlati

Il ritorno degli outletMisure extra a Castel Romano

I 5 Designer Outlet italiani hanno riaperto al pubblico. Le misure extra per la sicurezza dei visitatori a Castel Romano

Ostia, le regoleper l'accesso al litorale

Presentato in Campidoglio dalla sindaca Raggi il Piano spiaggia 2020

Aereo nel Tevere, trovatoil corpo del giovane allievo

Recuperato il corpo dai vigili del fuoco il corpo senza vita dell'allievo precipitato con l'aereo nel Tevere