Crescono i consumi Cara famiglia, quanto mi costi

  • Consumi

ROMA Si consolida la fase di ripresa dei consumi delle famiglie. Per l’Istat nel 2016 la spesa media mensile familiare è stata pari a 2.524,38 euro (+1% sul 2015 e +2,2% sul 2013). Aumentano le spese per la casa, tornano ai livelli pre-crisi quelle per servizi ricettivi e di ristorazione e salgono per il terzo anno quelle per beni e servizi ricreativi, spettacoli e cultura. La spesa familiare rimane al di sotto dei 2.639,89 euro del 2011. L’andamento dei consumi alimentari sembra confermare una crescente attenzione all’alimentazione. La spesa per carni è la più elevata, pari a 93,53 euro mensili (ma in calo del 4,8%), seguita da quelle per pane e cereali (75,10 euro mensili), per vegetali (60,62 euro) e per latte, formaggi e uova (57,56 euro). Le voci di spesa con gli aumenti più alti sono quelle per pesci e prodotti ittici (+9,5%). Dal punto di vista delle disparità, si riduce il gap tra i valori più elevanti registrati al Nord-Ovest e quelli più bassi delle Isole, che passa da quasi 945 a circa 857 euro. Mentre rimane costante quello tra le famiglie di soli stranieri e quelle di soli italiani, con le prime che spendono circa mille euro al mese in meno rispetto alle seconde. Nei nuclei familiari dove la persona di riferimento ha un titolo superiore, si spende oltre il doppio di quelli dove la persona di riferimento ha la licenza elementare o nessun titolo di studio (3.550 euro contro 1.725).

METRO

Articoli Correlati

Famiglie, grande forbicedelle due Italie che spendono

Stabile la spesa mensile destinata ai consumi, ma con gran divario tra Nord e Isole

La gelata dei consumi:3,6 miliardi di spesa in meno

Le previsioni macroeconomiche di Confesercenti: crescita della spesa a metà di quanto previsto dal Governo

Inflazione sotto 1%"Spesa famiglie in frenata"

Istat: dato più basso da aprile 2018. Confesercenti: "Debolezza del mercato interno, aumento Iva sarebbe mannaia"