L'ordinanza anti alcol da domani al 31 ottobre

  • Roma

ROMA Torna l’estate, e con lei i provvedimenti per limitare i disagi ai residenti dei quartieri attraversati dalla movida. La sindaca Virginia Raggi ha firmato ieri l’ordinanza, valida dal 7 luglio al 31 ottobre che vieta la vendita, la somministrazione e il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche, da Testaccio a Trastevere, da San Lorenzo a Ponte Milvio (l’elenco completo è sul portale del Comune), per «evitare che si verifichino episodi di violazione delle regole, dell’ambiente e del contesto urbano o di grave turbamento della quiete pubblica».

Da mezzanotte alle 7 sarà vietato «il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nelle strade pubbliche o aperte al pubblico transito», pena una multa di 150 euro. Stessa cifra per chi sarà sorpreso, dalle 22 alle 7, a consumare all’aperto alcol in contenitori di vetro. Le restrizioni riguardano naturalmente anche gli esercenti: sono previste multe da 280 euro a chi venderà bevande alcoliche da asporto. E ancora: sarà de tutto vietata «Dalle 2 del mattino alle 7, la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche, da parte chiunque risulti, a vario titolo e in forme diverse, autorizzato alla somministrazione di alimenti e bevande, anche nelle aree esterne attrezzate di pertinenza del locale, o attraverso distributori automatici e in circoli privati». anche in questocaso la sanzione amministrativa prevista è pari a 280 euro. Tutti gli esercenti saranno inoltre obbligati a esporre, un avviso in italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco, in cui sono indicate tutte le misure dell’ordinanza.

METRO

Articoli Correlati

Baby borseggiatoreaccoltellato sotto la metro

Un bambino di etnia rom ferito alla testa dall'uomo che aveva tentato di derubare. Arrestato l'aggressore

Arresti a Tor Bella MonacaAgenti accerchiati

Tensioni dopo un inseguimento. Un poliziotto costretto a estrarre la pistola

Ama, clima di incertezzaper l'inchiesta della procura

Il dg del Campidoglio Giampaoletti, indagato per tentata concussione: «Non sono preoccupato»