Ztl con lo sconto per i veicoli green

  • Torino/Comune

MOBILITA' Permessi di circolazione in Ztl gratuiti, o a titolo scontato, per incentivare il ricambio dei mezzi più inquinanti con quelli più ecologici, ibridi e elettrici. Questo il provvedimento deciso ieri dalla giunta comunale, su proposta dell’assessore Maria Lapietra, con “l’obiettivo primario - ha spiegato - di tutelare l’ambiente”. La giunta ha inoltre deliberato di prorogare, nell’ambito dei progetti europei dei quali la città è partner, il rilascio di permessi speciali Ztl per veicoli merci ecologici, dotati di un particolare sistema di geolocalizzazione per una gestione smart ed ecologica della logistica merci in Ztl. Dieci le ditte che hanno partecipato al progetto. 

Le periferie
Al centro della riunione di ieri non soltanto la mobilità sostenibile, ma anche il programma straordinario periferie Axto. Approvato, infatti, il progetto esecutivo di manutenzione di strade e marciapiedi, per un importo di due milioni di euro. Le località scelte per gli interventi sono state concordate con le Circoscrizioni e gli interventi verranno eseguiti in tutte e otto le aree. 
Un secondo provvedimento, poi, prevede un investimento di 600 mila euro per labbattimento di barriere architettoniche e la messa in sicurezza degli accessi pedonali di cinque plessi scolastici: la scuola elementare Beata Vergine, l’Istituto comprensivo Saba, la scuola primaria Rodari, la scuola Elementare De Filippo e la scuola elementare Muratori. “L'intervento deliberato oggi (ieri, ndr) - ha spiegato l'assessora Lapietra - raccoglie l’attuale fabbisogno di manutenzione relativo ai sedimi stradali e pedonali della città”. SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati

Mense: persi 1 milione di pasti l'anno

È l'effetto della sentenza sul “diritto al panino”. A rischio 100 posti di lavoro

La Corte dei conti «Quel buco c'era»

I magistrati contabili danno ragione ad Appendino, ma Fassino non ci sta. Intanto il Sindaco incassa l'attacco di Giannuzzi.

"Silurata" Giannuzzi Al suo posto entra Unia

Ma la sindaca Appendino difende l'ex assessore: «Piazza San Carlo non c'entra in questa decisione»