L'ordinanza anti spreco contro l'allerta idrica

  • Roma

ROMA La Capitale, così come il resto del Paese, è arsa dall’assenza di piogge di questi ultimi mesi. Il bacino idrico del lago di Bracciano è sfruttato al massimo per soddisfare il bisogno d’acqua di Roma (creando però cali nella rete idrica dei comuni più vicino al lago, come Ladispoli), e ieri la Regione ha autorizzato Acea a prelevare, fino al 31 dicembre, 190 litri al secondo in più dalla sorgente del Pertuso, rispetto ai 360 litri al secondo captati attualmente.

In questo scenario si è inserita ieri l’ordinanza firmata dalla sinda Virginia Raggi, che recita: «Il provvedimento consente i prelievi di acqua potabile per i normali usi domestici e sanitari, inclusi i servizi pubblici di igiene urbana. Limita invece l’utilizzo delle risorse idriche in questione per irrigazione di orti e giardini, riempimento di piscine mobili, lavaggio di automobili o altri veicoli, qualunque uso ludico che non sia quello del servizio personale. Acea Ato 2, congiuntamente con Polizia Locale e forze dell’ordine, effettuerà controlli per verificare il rispetto del provvedimento». L’ordinanza sarà in vigore fino a settembre sull’intero territorio di Roma Capitale.

«Vogliamo affermare un essenziale principio di civiltà. Un conto è utilizzare l’acqua per fini domestici o sanitari, un altro consentire sprechi di ogni genere. È un bene pubblico e una risorsa preziosa, che bisogna salvaguardare con un’attenta programmazione», ha spiegato ieri la sindaca.

METRO

Articoli Correlati

Campidoglio, Sara Secciaè vicepresidente vicario

Sara Seccia vicepresidente vicario dell'Assemblea capitolina

Via Capranica sgomberatadopo ore di tensione

Grande operazione di polizia a Primavalle. Il Campidoglio: “Accoglienza alle 199 persone censite”

Una "Ocean Night"contro la plastica

“Ocean night”, eventi dedicati al mare "plastic free" in giro per diverse città. A Roma il 27 luglio all'Isola de Cinema