Un anno di Raggi: «Serve tempo per cambiare»

  • Roma

ROMA È in larga parte declinato al futuro il bilancio della sindaca Virginia Raggi e della sua Giunta, a un anno dal suo insediamento. Ne ha parlato ieri in Campidoglio, con i suoi assessori (assenti Colomban, Partecipate, e Mazzillo, Bilancio).

Tra le cose fatte la prima cittadina ha rivendicato il Bilancio approvato nei termini, la commissione sui Piani di Zona, l’aver rimesso in circolazione su tutta Roma i 45 filobus destinati  al corridoio Laurentino (e spesso guasti), la sistemazione di alcune strade, e l’approvazione del Piano sui rifiuti (che al momento è in gran parte solo sulla carta), oltre all’approvazione di un regolamento più stringente sulle sale slot. Ha poi ricordato la ripresa del dialogo con i dipendenti capitolini e sindacati, e lo sblocco del salario accessorio.

Nel ringraziare i romani per la loro pazienza, a chiedendo loro di averne ancora un po’, Raggi ha spiegato che rimettere i conti in ordine è stata la chiave di volta per le azioni future. «Possiamo tornare a fare gare d’appalto» ha spiegato, aggiungendo: «Questo significa non ricorrere più alle solite ditte».

Sulla chiusura delle indagini nei suoi confronti per le nomine, e sull’ipotesi di dimissioni, ha ribadito: «Ho agito in buona fede, lo dimostrerò ai magistrati». E Ancora: «Ho sentito Beppe Grillo: mi ha incitata ad andare avanti».

Tra le cose da fare resta il rebus sulla riorganizzazione delle partecipate: «Dobbiamo ripartire da zero e quindi dobbiamo creare piani industriali che devono essere monitorati da noi e che dobbiamo monitorare anche dal punto di vista dei risultati», ha spiegato la sindaca.

METRO

Articoli Correlati

Desirée, il Riesameannulla l'omicidio per due indagati

Cade anche l’accusa di violenza sessuale di gruppo, oggi il ricorso del terzo arrestato. Il pusher ascoltato dal gip

Congestion charge,pronto il ricorso al Tar

Il Codacons: nessun pedaggio senza adeguato potenziamento del trasporto pubblic"

Desirée, cadute accusedi omicidio e stupro di gruppo

Lo ha deciso il tribunale del Riesame per due degli stranieri arrestati