Rom evasa: controlli anche alle frontiere

  • TORINO

TORINO È caccia alla giovane rom evasa lunedì pomeriggio dal carcere Lorusso Cotugno, dove era rinchiusa insieme alla figlia di pochi mesi nell’area destinata alle mamme.

La giovane è accusata di omicidio stradale. Si tratta di Laura Suleimanovic, la 21 enne un mese fa  provocò in strada dell’Aeroporto un incidente mortale facendo un’inversione a U, con un camper, e travolgendo uno scooter. La donna, secondo una prima ricostruzione, approfittando della bassa sorveglianza ha scavalcato la recinzione del carcere ed è fuggita abbandonando all’interno della struttura la sua bambina. La piccola ora è stata affidata dal Tribunale dei Minori a una comunità protetta in attesa che i giudici decidano il suo destino.

Intanto la polizia sta cercando di rintracciare la donna che sembra essersi volatilizzata. Sono in corso ricerche nei campi rom di Torino e cintura, dove la Suleimanovic potrebbe trovare rifugio e aiuto, ma controlli sono stati disposti anche alla frontiera. Intanto monta la rabbia dei familiari di Oreste Giagnotto, l’uomo rimasto ucciso nell’incidente. Poche ore dopo aver saputo della fuga della rom, i figli e nipoti dell’uomo hanno subito postato sul loro profilo del social network la foto segnaletica della donna con la didascalia: «Ecco la foto della zingara fuggita dal carcere che ha ucciso nostro zio: condividiamola e troviamola».

SIMONA LORENZETTI
(Nella foto l'incidente dello scorso maggio)

Articoli Correlati

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti