Brexit, primi passi con il nodo Agenzie

  • Brexit

BRUXELLES L’atteso e temuto giorno dell’avvio del negoziato politico per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea è infine arrivato: quasi un anno esatto dopo il referendum che ha sconvolto l’Europa, ieri il caponegoziatore Ue Michel Barnier ha accolto al palazzo Berlaymont il segretario di Stato inglese per l’uscita dall’Ue, David Davis. Sullo sfondo una Londra ferita da quattro attentati e un tragico incendio, cui si somma la sconfitta elettorale che ha indebolito Theresa May. A fine giornata l’annuncio che «Ue e Regno Unito hanno trovato un primo accordo sulle priorità del negoziato (tre gruppi: diritti dei cittadini, accordo finanziario e altri problemi legati alla separazione) e sui tempi (una settimana ogni mese)».

Sfida terrorismo ci unisce

L’apertura del negoziato politico è focalizzata anche sulle altre priorità già stabilite da Bruxelles: l’uscita di Londra da 11 istituzioni e una quarantina di Agenzie europee, il delicatissimo confine fra Irlanda del Nord e Irlanda. Solo una volta regolato tutto questo si potrà avviare la riorganizzazione delle relazioni bilaterali. Il Regno Unito vuole una «nuova partnership profonda e speciale con l’Unione Europea - ha detto il capo-negoziatore britannico, Davis - di fronte a sfide come il terrorismo è più ciò che ci unisce di quanto ci divide».

Braccio di ferro su sedi in trasloco

La cancelliera tedesca Merkel ha lanciato un appello ai leader europei, chiedendo di difendere «uniti i nostri interessi». Ma le prime crepe si vanno allargando. Martedì i rappresentanti dei Paesi Ue discuteranno a Lussemburgo del destino delle Agenzie europee con sede a Londra: l’Autorità bancaria europea e l’Agenzia per i medicinali. Per quest’ultima si è fatta avanti Milano. Ma è già scoppiata la bagarre.

METRO

Articoli Correlati

Brexit, per Morgan Stanleysede centrale a Francoforte

Altri trasferimenti verso Parigi, Dublino, Madrid e Milano

La Brexit apre un bucoda 10 miliardi nei conti Ue

Il commissario responsabile del bilancio comunitario, Guenter Oettinger

Scocca l'ora del divorzioAl via i negoziati per la Brexit

Primi contatti formali fra i negoziatori di Gran Bretagna ed Unione Europea