Appendino: «La festa di San Giovanni si farà»

  • TORINO

TORINO «Torino continuerà a vivere i suoi eventi, a vivere le proprie piazze, ma lo farà in modo diverso, forte della dura lezione appresa in queste ultime settimane». Così la sindaca Chiara Appendino, ha annunciato che non saranno revocati i festeggiamenti del patrono San Giovanni, in programma sabato.

«In questi giorni - ha aggiunto la sindaca – si è dibattuto molto a riguardo delle celebrazioni di San Giovanni. Un sindaco ha il dovere di tracciare un percorso e per questo, insieme alla Giunta, abbiamo deciso che le celebrazioni si svolgeranno nel modo tradizionale e rappresenteranno per la città un nuovo inizio».

Il sì ufficiale al tradizionale evento è giunto dal Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza. I fuochi artificiali saranno ad impatto contenuto rispetto all’anno scorso, con una durata complessiva non superiore ai 32 minuti. Mentre la sera precedente, durante il tradizionale falò, ci sarà un momento di raccoglimento dedicato a Erika, la giovane di Domodossola morta per le lesioni riportate durante gli incidenti del 3 giugno in piazza San Carlo. Oggi verranno definite le misure di sicurezza che saranno adottate in piazza Vittorio. Intanto ieri, in occasione della giornata di lutto cittadino per commemorare la giovane di Domodossola, in piazza San Carlo è stato appeso lo striscione “Uniti nel ricordo per Erika”.

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati

San Giovanni: 7 varchiper accedere alla piazza

Le misure: aree transennate e corridoi per le emergenze La capienza sarà di 48 mila spettatori per i fuochi d’artificio

Piazza Santa GiuliaPolemiche sugli scontri

Critiche alla sindaca per la delibera «scritta di pancia», ma anche per la gestione dell’ordine pubblico

Rom evasa: controllianche alle frontiere

La figlia affidata a una struttura protetta. Sui social la rabbia dei parenti del centauro travolto dalla donna