The Americans 5 il ritorno delle spie russe

  • The Americans/Fox

TELEVISIONE Ha scalato i vertici delle classifiche delle migliori serie tv Usa del decennio e vanta fan autorevoli come Stephen King (che in un tweet del 2014 scrive: “Con serie così, il cinema è diventato un po’ datato”). 12 premi vinti e 57 nomination nelle competizioni più importanti, da poco è stata rinnovata per una futura VI stagione, che pare sarà anche l’ultima. È The Amaricans che torna da stasera su Fox (canale 112 Sky) ore 21,50. Siamo alla V della serie creata da Joel Weisberg (ex agente CIA) e Joe Field e ambientata negli Anni ’80 di Reagan, con la storia del matrimonio di Philip (Matthew Rhys) ed Elizabeth (Keri Russell) — nomi veri: Mischa e Nadezhda —, agenti segreti al servizio dell’URSS sotto copertura a Washington, sposati e genitori di 2 figli. Matrimonio combinato che è diventato «vero» (tra l’altro i due attori sono fidanzati da anni).
Grazie agli archivi Mitrokhin, oggi  si sa molto del KGB ma The Americans offre uno sguardo nuovo (lontano dalla dicotomia americani-buoni e russi-cattivi) perché usa le relazioni familiari come finestra sulla geopolitica. Non potrebbe essere più attuale, poi, nei giorni del Russiagate in cui Trump rischia l’impeachment per le possibili interferenze del governo russo nella campagna presidenziale USA. Qualche mese fa si era persino diffusa la notizia (falsa) che in questa stagione sarebbe comparso un giovane Putin agente del KGB. Nei nuovi episodi saranno più forti per i due protagonisti il groviglio di contraddizioni della loro “vita da spie” in relazione al futuro della figlia adolescente Paige (Holly Taylor), a conoscenza della reale professione dei genitori e avviata forse a seguirne le orme.

 

METRO