Restyling in via Nizza spazio alla sostenibilità

  • TORINO

TORINO Un volto nuovo per via Nizza: funzionale, sicuro e green. È quanto prevede il progetto di riqualificazione, approvato nei giorni scorsi dalla giunta pentastellata, dei 2,2 chilometri di via Nizza, compresi tra corso Vittorio Emanuele II e piazza Carducci.

Lo spazio sarà riorganizzato per garantire di muoversi in sicurezza con particolare attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche. L’intervento è previsto dal Biciplan, Piano della mobilità ciclabile della Città di Torino. I marciapiedi verranno rifatti e, a fianco, ci saranno due piste ciclabili separate da un cordolo.

Due fasce di rispetto separeranno le piste dai parcheggi a raso e, al centro, saranno ricavate due corsie per i veicoli privati a motore e per i mezzi del trasporto pubblico. Pensando alle persone con disabilità è previsto che ogni attraversamento sarà dotato di scivoli, del codice di lettura podotattile e di semafori con sorgenti sonore, per aiutare persone cieche o ipovedenti ad attraversare in sicurezza. Nel tratto fino a corso Marconi ci sarà spazio anche per un filare di alberi tra gli 8 e i 15 metri d’altezza, e un nuovo impianto di illuminazione pubblica per garantire i giusti livelli di luminosità in presenza della nuova alberata.

«L’asse di via Nizza sarà un viale moderno e funzionale: più gradevole da percorrere, a vantaggio dei locali commerciali, per la maggior distanza delle auto parcheggiate e più sicuro per tutti gli utenti della strada», ha spiegato l’assessora Maria Lapietra, aggungendo: «Grazie ai fondi europei diamo un assetto funzionale a un viale che dopo i cantieri della metropolitana aveva assunto un aspetto provvisorio e disordinato».

SIMONA LORENZETTI
(Nella foto piazza Bengasi e via Nizza ai tempi dei cantieri per il metrò- Foto Del Bo)

Articoli Correlati

Smog: si fermanoi diesel Euro 4

I provvedimenti della giunta Appendino in vigore da mercoledì contro gli inquinanti

Debiti del Comune,indagata Appendino

Inchiesta su ex area Westinghouse, ipotesi falso ideologico in atto pubblico

Thyssen, da Orlandopressing sulla Germania

Il guardasigilli italiano ha scritto al suo omologo tedesco di dare seguito alle sentenze di condanna