Raggi, tra luci e ombre è già passato un anno

  • Roma

ROMA Oggi è il primo “compleanno” da sindaca per Virginia Raggi, eletta il 19 giugno del 2016 con il 67% delle preferenze. Un risultato oggi più sbiadito, di fronte ai nodi che la prima cittadina e la sua Giunta stanno affrontando.

Rifiuti
Roma resta in perenne sofferenza, nonostante un Piano sui rifiuti ambizioso che prevede l’aumento della differenziata fino al 70%, l’incremento del porta a porta e l’avvio di cicli virtuosi, come il riuso e la riduzione di imballaggi, per ora solo sulla carta. Il Campidoglio ha individuato tre nuovi siti per il compostaggio e il trattamento, ma si prevedono battaglie da parte di residenti e comitati. E la chiusura dell’impianto Ama di via Salaria, che da anni esaspera gli abitanti della zona per i miasmi, è slittata anche con la nuova amministrazione.

Trasporti e decoro
L’assessora Linda Meleo e il presidente della Commissione Trasporti Enrico Stefàno sono chiamati a gestire il trasporto pubblico con un’azienda tecnicamente in default come Atac, e con il consorzio Roma Tpl, che gestisce le linee periferiche su gomma. Quest’ultima, in perenne difficoltà, paga a singhiozzo gli autisti, che protestano lasciando i mezzi nei depositi.

Meleo e Stefàno si stanno spendendo un prima persona per risolvere questa situazione, e nel contempo hanno avviato altre azioni, come i dipendenti Atac chiamati a fare i controllori o l’avvio di nuove preferenziali. Ma la municipalizzata continua a perdere introiti. Sulla carta restano i progetti di tre funivie a Casalotti, Boccea e Magliana, per ora senza fondi. La metro C, finanziata dal governo, ad autunno aggancerà la linea A a San Giovanni, ma sono incerti i lavori per la sua prosecuzione.

Il decoro segna un altro punto negativo, col ritorno dei centurioni al Colosseo e l’invasione degli abusivi nelle aree di pregio. Mentre la battaglia sul Parco archeologico è stata per ora vinta dal Comune, dopo la bocciatura del Tar sulla gestione da parte dello Stato.

Nomine e passi falsi
L’immagine della sindaca nei primi mesi è stata messa a dura prova dalle nomine di Raffaele Marra (Capo del personale), di suo fratello Renato (Direzione turismo) e di Salvatore Romeo (Capo della segreteria politica). Nomine poi revocate o sfociate in dimissioni. Marra è indagato per corruzione, e la promozione del fratello ha convinto i pm a indagare Raggi per abuso d’ufficio e falso. Su Romeo si è scoperto che aveva intestato polizze vita a favore della sindaca, ignara di tutto.

A questo si aggiungono gli addii di assessori di peso come Paolo Berdini all’Urbanistica, contrario allo Stadio della Roma a Tor di Valle (altro tema controverso sul tavolo del Campidoglio), o la difficoltà nella razionalizzazione delle partecipate.

Ma dalla sua, Virginia Raggi può rivendicare l’accordo raggiunto coi dipendenti capitolini sul pagamento di arretrati e salario accessorio, e la riduzione del debito fuori bilancio, grazie a una drastica razionalizzazione dei conti, anche a costo di tagli sul sociale.
 paolo chiriatti

Articoli Correlati

Demolizione a Coppedèil via tra le proteste

Ambientalisti e residenti sul piede di guerra, ma i lavori sono partiti

Calenda: "Raggi non vengacon la lista della spesa"

Il ministro dello Sviluppo economico sul tavolo di martedì

Caos rifiuti, tensionein Aula Giulio Cesare

Espulso il consigliere Dem Pelonzi durante il consiglio straordinario su Ama. Partecipate, Colomban dà l’addio