Quante ne sai su Totti? Un libro con 680 curiosità

  • Calcio

CALCIO In quale clinica è nato Totti? In quale stanza? Dove si conobbero i genitori? Dedicato a tutti quelli che non sanno cosa è Totti per Roma, ecco  “Conosci Totti?”, con 680 domande e risposte sull’ex 10 della Roma. Lo ha scritto Leonardo Angelini.
Come nasce l’idea di un libro così?
È stato un grosso lavoro d’archivio, nato quasi per scommessa con l’editore. È una mappatura completa sulla figura dell'ex capitano giallorosso, che ha permesso anche a me, che sono romano e romanista, di scoprire tante cose su di lui.
La sua “pillola” preferita?
Sa come chiamavano Totti da ragazzino? Gnomo, perchè era mingherlino e piccolo. Al bar sotto casa gli mettevano lo sgabello per farlo giocare al flipper. Chi l'avrebbe detto che poi, quel ragazzino, sarebbe diventato il giocatore che è stato?
Totti come Petrolini, Trilussa e Sordi, può essere?
È presto per dirlo. La storia ha bisogno di tempo. Certamente ad oggi è una icona del calcio moderno.
Continuerà a giocare, secondo lei?
Lo spererei. E mi piacerebbe che poi in società avesse anche un ruolo dirigenziale di primo piano, non da taglianastri.

Alcune pillole dal suo libro:

Chi è stato il primo allenatore di Totti nella Roma?
Franco Superchi. L’ex portiere allenava i Giovanissimi. Ha confessato che in alcune partite - magari contro alcuni avversari non di alto livello - non schierava Totti, altrimenti il divario con l’altra squadra sarebbe stato esagerato.

Chi era il calciatore preferito di Totti?
Giuseppe Giannini. Totti aveva il poster in cameretta. Uno dei primi ricordi sul Principe è legato proprio al giorno della finale di Coppa Uefa del 1991: «Ricordo che mi vennero i brividi quando Giannini a un certo punto si avvicinò per chiedermi il pallone: fu un effetto bellissimo. E adesso quando vedo un bambino che mi porge la palla, l’emozione si rinnova». Qualche anno dopo Totti giocherà finalmente insieme a Giannini: «Quando sono andato la prima volta in camera con Giannini non ci credevo, non ho dormito tutta la notte, non ho detto una parola. Anche quando me l’hanno presentato non sono riuscito a parlare.

Con quali showgirl Totti ha avuto dei presunti flirt prima di conoscere la futura moglie Ilary Blasi?
Samantha de Grenet, Rossella Brescia, Manuela Arcuri, Flavia Vento.

Chi ha presentato Ilary Blasi a Totti?
Silvia, una delle due sorelle, insieme a Melory, di Ilary. Silvia frequentava un gruppo di amici dove c’era anche Totti. Verso Natale del 2001, durante una serata in cui giocavano a carte, Totti ha tirato fuori la storia della «letterina » bionda di Roma che gli piaceva tanto. Gli amici gli hanno detto che era la sorella di Silvia e lui ha chiesto a Silvia di essere presentato.
«Francesco mi guardava sgambettare in Tv, nemmeno mi conosceva ed era pazzo di
me. Aveva detto ai suoi amici: «Quella me la sposo», ha raccontato Ilary.

Quando è nato Francesco Totti?
Lunedì 27 settembre 1976.

A che ora?
Alle 13.30.

Quanto pesava?
Tre chili e quattrocentocinquanta grammi.

In quale clinica?
Fabia Mater, in via Olevano Romano, sulla Prenestina.

In quale stanza?
La numero 12.

Dove si conobbero i genitori di Totti?
Sulla spiaggia di Fiumicino, nel 1961. Lui, trasteverino purosangue, aveva diciassette anni;
lei, che abitava a via Vetulonia, soltanto dodici. Otto anni dopo quel primo bacio in
riva al mare, Enzo e Fiorella si sposarono nella chiesa di San Sebastiano al Palatino.

Da piccolo Totti era mingherlino. Come era soprannominato?
Gnomo. «A dodici, tredici anni ero una mezza sega, un nanetto, mangiavo mangiavo e non mi irrobustivo mai, stavo sempre dai dottori, mi chiamavano Gnomo. Di colpo, sono cresciuto». Al bar sotto casa, dove andava a giocare a flipper, gli davano uno sgabello da mettere sotto i piedi.

METRO

Articoli Correlati

Tra Lazio e Napoliè vero big match

Inzaghi: «Contro il team di Sarri dovremo fare una grandissima partita facendo una gara migliore di quella dello scorso anno»

La Roma va a Beneventosenza Radja Nainggolan

Guai muscolari per il forte centrocampista giallorosso. E Florenzi si accomoda in panchina

Spalletti avverte l'Inter«Il Bologna? Una curva pericolosa»

Spalletti in merito al super Handanovic:«La Juve ha vinto campionati con le parate di Buffon».