Trascurare l’ambiente porta guerre e migranti

  • Massimiliano Pontillo

La Giornata mondiale dell’Ambiente (World Environment Day), celebrata in oltre 100 Paesi, è la più grande e nota ricorrenza volta a sensibilizzare e mobilitare l’opinione pubblica sui temi ambientali. E’ stata istituita dall’ONU nel 1972 e si celebra ogni anno il 5 giugno. Nel 2017 lo Stato promotore è il Canada che ha scelto il tema del legame tra le persone e la natura, “Connecting People to Nature”, con l’obiettivo di stimolare le persone ad uscire dalle proprie abitazioni ed immergersi nella natura, apprezzandone la bellezza e l’importanza, al fine di mettere in atto misure protettive e preventive per la sua salvaguardia.     

È la festa di tutti, dovunque: sia che si viva in città o in campagna, nel mondo ricco o in via di sviluppo, nel freddo sferzante delle regioni nordiche o al pigro calore dei tropici. E’ un’occasione importante e ulteriore per dare un “volto umano” alle questioni ambientali e far diventare tutti noi agenti attivi dello sviluppo sostenibile e più equo; accrescendo la consapevolezza che le comunità sono di importanza fondamentale per il cambiamento; promuovendo partnership che garantiscano a tutte le nazioni e le popolazioni un futuro migliore e più sicuro.

L’ambiente, e la sua tutela, significa democrazia, giustizia, ma prima di ogni altra cosa rappresenta la sopravvivenza. Non solo delle società umane, ma degli interi ecosistemi.           

 

Pare, però, che l’attuale inquilino della Casa Bianca non la pensi proprio allo stesso modo: la sua arroganza e ignoranza scientifica potrebbero innescare un conflitto su scala planetaria senza precedenti, dove non mancheranno luoghi della Terra in cui i danni climatici si pagheranno attraverso guerre locali per il possesso di un fiume, di un albero, o di una terra coltivabile. Una tragedia che sposterà masse di esseri umani in cerca non più di una casa o di una patria, ma di una speranza di futuro.

MASSIMILIANO PONTILLO
giornalista e comunicatore

Articoli Correlati
Massimiliano Pontillo

Teniamoci caraquesta Terra

A proposito dell'Earth Day
Massimiliano Pontillo

Le nostre colpesull’acqua

L'opinione di Massimiliano Pontillo
Massimiliano Pontillo

Lo smog, le cittàe il coraggio di fare

L'opinione di Massimiliano Pontillo, presidente di Pentapolis