Clima bene solo Svezia, Germania e Francia

  • climate change

Svezia, Germania e Francia. Sono questi  i paesi in testa nell'Unione Europea sul clima, mentre l'Italia viagia in fondo alla classifica,  al 24esimo posto, seguita da Lettonia, Lituania, Romania e Polonia. Il conto lo ha fatto l'EU Climate Leader Board, messo a punto da due organizzazioni no-profit, Carbon Market Watch e Transport&Environment.

Lo studio. Lo studio, che compare anche sul sito del World Economic Forum, ha puntato i riflettori su come ogni Paese si colloca rispetto all'Effort Sharing Regulation, il regolamento-cardine dell'Unione Europea riguardo il taglio di emissioni nei settori del trasporto, agricoltura, gestione dei rifiuti ed edifici; e che punta a ridurre le emissioni del 30% entro il 2030. Anche se dopo il dietrofront statunitense sull'Accordo di Parigi i Paesi europei hanno tutti criticato, dalla classifica emerge che solo tre Paesi europei spingono nella direzione giusta: Svezia, Germania e Francia. In testa a tutti  la Svezia che cerca di andare anche oltre quanto richiesto. All'estremo opposto della classifica Polonia, Italia, Spagna e Repubblica Ceca, che - secondo l'ong Carbon Market Watch - cercano escamotage come per esempio calcolare il taglio delle le emissioni da un punto superiore alle emissioni attuali. Lo studio critica anche Finlandia e Austra che, pur essendo Paesi relativamente ricchi, hanno un impegno molto stentato.

L'India. Intanto  Il premier indiano, Narendra Modi, si è impegnato ad andare "oltre e al di là" dell'accordo di Parigi contro il surriscaldamento climatico. Lo ha detto a Parigi, ultima tappa di un tour in quattro Paesi europei e dove ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron al Palazzo dell'Eliseo.    Il premier, al termine dell'incontro con Macron con cui ha discusso anche di legami strategici bilaterali e lotta al terrorismo, ha detto che l'impegno sul clima rappresenta "un'eredità condivisa del mondo" di cui "beneficeranno le future generazioni"; e che il suo Paese andrà anche "molto al di là" nella lotta contro il surriscaldamento.