Refezione: già recuperati 780 mila euro di morosità

  • MILANO/SCUOLA

COMUNE Se vuoi mandare tuo figlio ai centri estivi e alle case vacanza del Comune, devi essere in regola con la retta della mensa scolastica. Era questo il patto varato da palazzo Marino. Un accordo che sembra aver funzionato, considerate le 4.284 famiglie insolventi che si sono messe in regola negli ultimi due mesi. Quasi 778 mila euro di morosità recuperata solo fra marzo e maggio. A dirlo, ieri, il vicesindaco Scavuzzo. A sanare le pendenze, i genitori di 379 bimbi dei nidi, 645 della materna, 2.953 della primaria, 307 della secondaria. 

Nonostante la corsa alle regolarizzazioni,   i centri estivi hanno registrato un calo di iscrizioni: -15% per le scuole dell’infanzia e - 23% per le primarie. Una diminuzione dovuta alla revisione delle tariffe decisa a marzo, che ha introdotto 21 scaglioni di reddito e aumentato le rette per alcune fasce Isee e dalla quale il Comune contava di recuperare  1,3 milioni di maggior gettito. Rispetto al 2016, gli iscritti ai centri estivi dei nidi sono 4720 (+4%,); 6.696 quelli delle materne (erano 7.700); 5.901 alle primarie, 1.357 in meno. METRO

Articoli Correlati

Carimali, una prof da Premio Nobel

L’insegnate di matematica dello scientifico Vittorio Veneto è una dei 50 finalisti del “Global Teacher Prize”

Scuola di Piazza Siciliala preside ancora non c’è

Dopo nove anni di distacco all’estero, ne arrivano altri tre di dottorato a Metz. Intanto 1400 studenti vanno avanti con dirigenti partime e tanta fatica