GTT: i funzionari sui bus per insegnare a "bippare"

  • Torino/Trasporti

TRASPORTI Se i consiglieri comunali si improvvisano addetti alla raccolta carta, domani i  dirigenti GTT dismetteranno per un giorno giacca e cravatta,  per indossare la divisa blu degli assistenti alla clientela. Cento fra impiegati, funzionari e dirigenti saliranno a bordo di tram e bus per sensibilizzare i passeggeri a validare il proprio abbonamento o carnet ogni volta che si usa o si cambia mezzo pubblico. Una vera e propria task force di 250 persone quella che per tutta la giornata illustrerà  l’importanza di “bippare” il proprio titolo di viaggio e distribuirà materiale informativo e gadget.

Dall’inizio di maggio bippare la propria tessera è diventata la regola. E i dati sono in continuo aumento, settimana dopo settimana: si è giunti a 1 milione 400 mila timbrature in sette giorni. Dati che devono essere sommati quelli della metropolitana dove ogni giorno circa 150 mila persone passano la tessera. 

Nelle ultime quattro settimane (dal 24 aprile a domenica 21 maggio) le bippature sono state 4 milioni 400 mila, quasi il doppio rispetto a marzo, quando erano state 2 milioni 400 mila. Il 30% delle bippature è stato effettuato sulle linee tram (3, 4, 6, 9, 10, 13, 15, 16). 

La linea più gettonata è il 4 con 131 mila vidimazioni in una settimana (quasi raddoppiate rispetto a un mese fa). Seguono il 10 (circa 58 mila), il 15 (quasi 53 mila) e il 13 (circa 45 mila). Fra le linee autobus prevalgono il 18 (circa 56mila), il 2 (40 mila), il 68 e 55 (circa 35 mila). SIMONA LORENZETI

Articoli Correlati
Torino/Trasporti

Rivoluzione Gtt Ticket a 1,70

Dura 100 minuti ed è utilizzabile nella rete suburbana. Fino a fine luglio validi i biglietti elettronici
Torino/Trasporti

Gtt: doppio sciopero contro i tagli

I lavoratori incroceranno le braccia l'8 e il 22 giugno. I sindacati: «Un'azienda senza governance»
Torino/Trasporti

Treni: i pendolari chiedono più sicurezza

E le associazioni dei consumatori invocano norme chiare sugli indennizzi per ritardi e soppressioni