Il pneumatico del futuro? Goodyear ci ha già pensato

  • Auto

AUTO Si chiama Eagle 360 Urban ed è il pneumatico progettato da Goodyear per equipaggiare le automobili a guida autonoma del futuro. Ma come è possibile che un pneumatico sia capace di fare tutto questo? “La superficie bionica di Eagle 360 Urban, dotata di una rete di sensori intelligenti, raccoglie e condivide informazioni sullo stato del pneumatico e sull’ambiente circostante”, spiegano i progettisti del costruttore americano. E dunque una volta elaborate grazie ad algoritmi di deep learning, queste informazioni permettono al pneumatico di prendere decisioni sulle azioni da compiere e i comportamenti da adottare”. Il battistrada, inoltre, è realizzato con un polimero super-elastico dotato di tecnologie di morphing, ed è, dunque, in grado di presentare una flessibilità simile a quella della pelle umana e di conseguenza espandersi e contrarsi, aggiungendo soluzioni adeguate in presenza di fondo bagnato o aumentando la superficie di contatto su fondo asciutto. In caso di foratura i sensori localizzano la parte interessata e il pneumatico ruota per creare una diversa area di contatto e ridurre la pressione sul danneggiamento. A quel punto c'è il processo di autoguarigione per riparare il pneumatico. “L’arrivo delle auto elettriche e dei veicoli a guida autonoma sta rivoluzionando l’automotive, proponendo nuove sfide per tutti gli operatori, compresi i produttori di componenti come i pneumatici”. Alla Goodyear hanno le idee molto chiare forse più di altri.

C.CA.

Articoli Correlati

Supra, sportiva e non soloIl ritorno dopo 17 anni

Sono passati 17 anni da quando l’ultima Supra è uscita di produzione, ma la nuova che si presenta è il risultato di un progetto condiviso con BMW

Cambia l’ammiraglia BMWecco la nuova Serie 7

La nuova 7 guadagna 2,2 cm in lunghezza, mentre larghezza e altezza restano invariate

Il Jimny diventa pick-up?Per ora resta una idea

Due concept progettate per offrire del "suvvino" di Suzuki altrettante destinazioni d’uso: il pick-up e l’off-road più estremo