Il pneumatico del futuro? Goodyear ci ha già pensato

  • Auto

AUTO Si chiama Eagle 360 Urban ed è il pneumatico progettato da Goodyear per equipaggiare le automobili a guida autonoma del futuro. Ma come è possibile che un pneumatico sia capace di fare tutto questo? “La superficie bionica di Eagle 360 Urban, dotata di una rete di sensori intelligenti, raccoglie e condivide informazioni sullo stato del pneumatico e sull’ambiente circostante”, spiegano i progettisti del costruttore americano. E dunque una volta elaborate grazie ad algoritmi di deep learning, queste informazioni permettono al pneumatico di prendere decisioni sulle azioni da compiere e i comportamenti da adottare”. Il battistrada, inoltre, è realizzato con un polimero super-elastico dotato di tecnologie di morphing, ed è, dunque, in grado di presentare una flessibilità simile a quella della pelle umana e di conseguenza espandersi e contrarsi, aggiungendo soluzioni adeguate in presenza di fondo bagnato o aumentando la superficie di contatto su fondo asciutto. In caso di foratura i sensori localizzano la parte interessata e il pneumatico ruota per creare una diversa area di contatto e ridurre la pressione sul danneggiamento. A quel punto c'è il processo di autoguarigione per riparare il pneumatico. “L’arrivo delle auto elettriche e dei veicoli a guida autonoma sta rivoluzionando l’automotive, proponendo nuove sfide per tutti gli operatori, compresi i produttori di componenti come i pneumatici”. Alla Goodyear hanno le idee molto chiare forse più di altri.

C.CA.

Articoli Correlati

Toyota, la novitàsi chiama Proace Verso

La nuovo Proace riproposta nel “model year 2018” è equipaggiata con un'inedita motorizzazione diesel sovralimentata di 1.500 cc da 120 CV

Care by Volvoun successo annunciato

Alla Volvo si studia il successo del programma di abbonamento offerto per la prima volta l’anno scorso per il crossover compatto XC40

Citroen, per i cento annitorna la due cavalli

Sarà nelle intenzioni la base di un modello altrettanto economico ed elettrico che mostrerà un "nuovo sistema di mobilità"